Vertice Berlusconi-Sarkozy. Intesa sul nucleare

1' di lettura

Quattro centrali nucleari entro il 2020. Italia e Francia siglano l'accordo


"Il futuro dell'Europa è nelle energie rinnovabili e nel nucleare, dobbiamo adeguarci intanto entrando nel capitale francese e poi dovremo affrontare la  realizzazione di centrali nucleari italiane". Queste le parole del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, al termine del vertice con il presidente francese Nicolas Sarkozy.

Nel corso del vertice italo-francese a Roma, il premier Berlusconi e il premier Sarkozy hanno firmato un importante accordo sul nucleare che aprirà la strada alla tecnologia francese nei 4 reattori con cui l' Italia dovrebbe tornare al nucleare dopo 21 anni dal referendum del 1987, come previsto da uno dei punti del programma del governo Berlusconi.

Con il nuovo protocollo, Enel, che già collabora con la francese Edf, potrebbe aumentare la sua partecipazione al nucleare francese. Tra i temi economici bilaterali l'Alta velocita' con la Torino-Lione. In agenda anche la crisi finanziaria e i comuni passi da fare in vista del G20 di Londra e del G8 di luglio; il conflitto mediorientale; i dossier Afghanistan e Libano; l'escalation nucleare dell'Iran. ---. nel bilaterale Berlusconi e Sarkozy lavorano alla stretta di un'intesa per il rilancio del nucleare con 4 impianti di terza generazione da realizzare entro il 2020.


E' stato "un successo" l'accordo dei 27 paesi dell'Unione europea sul pacchetto climatico dell'Unione europea. Ha affermato il presidente del Consiglio Silvio Berlsuconi a Palazzo Madama, in apertura della conferenza stampa congiunta con il presidente della Repubblica francese, Nicholas Sarkozy.
Tra Italia e Francia c'è "una identica posizione" e una "condivisione pressochè totale" su molti temi oltre all'intenzione di "aumentare le attività comuni" ha aggiunto Berlusconi.


Leggi tutto
Prossimo articolo