Pd al bivio, Parisi si candida alla segreteria

1' di lettura

C'è grande attesa per l'assemblea costituente di sabato. Lo scenario più probabile vede una reggenza dell'attuale vicesegretario Dario Franceschini fino al congresso, ma al momento nulla appare scontato

Le ore passano, l'Assemblea costituente si avvicina, il dibattito sul futuro del Pd si anima. L'ipotesi più probabile è che sabato i 2.800 delegati eleggano il successore di Veltroni, in carica fino ad ottobre. In questo caso alla candidatura di Dario Franceschini si affiancherà quella di Arturo Parisi, che spiega: "In un passaggio come questo il partito non ha bisogno di un segretario provvisorio". L'altra possibilità sul tavolo dell'Assemblea è quella di anticipare il congresso, ma l'ipotesi non convince.

Leggi tutto
Prossimo articolo