Eluana, Berlusconi: Senza legge sarebbe condanna a morte

1' di lettura

Sulla Costituzione il premier: "Non l'ho mai attaccata nè inteso attaccarla, io ho giurato su essa e la rispetto, non ho mai pensato di attaccarla"

Senza una legge del Parlamento il caso di Eluana Englaro si trasformerebbe in una "condanna a morte". Ne è convinto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che, nel corso del suo intervento alla cerimonia di inaugurazione del Passante di Mestre a Mogliano (Treviso), ha auspicato un ripensamento da parte della famiglia della giovane in stato vegetativo. "Mi auguro - ha detto il premier - che ci sia un buon senso e ciò che non è stato fatto in tanti anni venga rimandato di qualche giorno per consentire al Parlamento di approvare la legge".

Leggi tutto