Ddl sicurezza, governo battuto tre volte al Senato

1' di lettura

Governo battuto al Senato sul ddl sicurezza. Bocciature pesanti in tema di immigrazione. Delusione dai banchi della Lega Nord. Berlusconi minimizza: un incidente di percorso nessuna preoccupazione

Maggioranza ko su tre subemendamenti all'art. 39, il più "caldo" in tema di immigrazione. Clamorosa la sconfitta sui Cie, gli ex Cpt. Uno degli emendamenti approvati, cancella infatti, la norma che prevedeva l'ampliamento fino a 18 mesi, dei tempi di permanenza nei Centri di identificazione ed espulsione. Torna quindi in in vigore la norma della Bossi-Fini che fissa in un massimo di 60 giorni la permanenza degli stranieri irregolari. Il Viminale ha già annunciato che il governo riproporrà la norma alla Camera non appena il ddl sarà licenziato dal Senato.

Leggi tutto
Prossimo articolo