Sicurezza e stupri, scontro sulle parole di Berlusconi

1' di lettura

La questione sicurezza sempre al centro del dibattito politico con l'ipotesi di aumento della presenza dei soldati nelle città ma anche con le polemiche sulla battuta del presidente del Consiglio intervenuto sulla vicenda degli stupri

Il presidente del Consiglio torna all'attacco sulle intercettazioni e agli alleati chiede una legge più restrittiva rispetto al testo fin'ora predisposto. Sui militari nelle città spiega che ne dovrà parlare con il presidente Napolitano, mentre il ministro La Russa chiarisce l'idea di portarli a trentamila è solo un progetto e che comunque ci vorrà del tempo.

Leggi tutto