Caso D'Alfonso, è polemica tra Pd e le toghe abruzzesi

1' di lettura

La scarcerazione dell'ex sindaco di Pescara D'Alfonso ha acceso la polemica tra il Pd e la procura abruzzese. Per Veltroni si tratta di un "fatto gravissimo". Nessuna solidarietà dal Pdl che insiste per una stretta sulle intercettazioni

I miasmi della questione morale avvelenano l'asse Roma-Pescara e arroventano i rapporti tra il Pd e i magistati abruzzesi. La fine degli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario Luciano D'Alfonso, accusato di aver intascato tangenti per alcuni appalti pubblici, innesca la dura reazione del leader Walter Veltroni. "Quello che è avvenuto a Pescara è gravissimo", avverte Veltroni, "esprimo a D'Alfonso che torna libero, la mia piena soddisfazione, ma la vicenda ha dentro di sé gravi implicazioni che meritano una riflessione più compiuta".

Leggi tutto
Prossimo articolo