Donne in pensione a 65 anni: è scontro Brunetta-sindacati

1' di lettura

Equiparazione dell'età di pensionamento tra uomini e donne nei lavoratori della pubblica amministrazione. E' l'obiettivo che il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta intende perseguire. La Cgil: "E' una provocazione"

Le donne dovranno in futuro andare in pensione a 65 anni. Cominciando da quelle che lavorano per la pubblica amministrazione. Il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, intervenendo a Stresa al Forum della Terza Economia ha spiegato che "è necessario porre al centro dell'agenda politica l'obiettivo della perequazione verso l'alto dell'età pensionabile di maschi e femmine". Immediate le reazioni dal fronte sindacale. Il segretario generale della Cisl Bonanni ha dichiarato: "Niente passi falsi sul tema pensioni". Più netto il no della Cgil. "Il governo non ci provi neppure".

Leggi tutto
Prossimo articolo