Crisi, Napolitano: "No a tagli generalizzati"

1' di lettura

Il capo dello Stato: "Sono gli sprechi a dover essere tagliati, mentre va incentivato l'impegno di chi progetta e costruisce, in vista del "nostro comune futuro"

La crisi finanziaria non deve portare a tagli generalizzati della spesa pubblica: bisogna piuttosto riorganizzarla, per rendere l'Italia un Paese più competitivo. Lo ha affermato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, visitando il Centro di ricerca Elasis del gruppo Fiat: "Scegliere di tagliare in modo più o meno uguale tutte le voci di spesa, produce la conseguenza di cristallizzare le peggiori tendenze che si sono sedimentate nella spesa pubblica e nel bilancio dello Stato".

Leggi tutto
Prossimo articolo