Giornata risparmio, Draghi: "Stagnazione fino a metà 2009"

1' di lettura

Nel corso delle celebrazioni per l'ottantaquattresima giornata mondiale del risparmio, il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi ha tracciato il confine della tempesta finanziaria e chiesto alle banche di sostenere le famiglie

Il compito del governo, spiega il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, deve essere a tutela delle banche e il suo intervento "deve essere transitorio, strumentale, di finanziamento e patrimonializzazione del sistema, ma solo se è necessario". Non se è inutile o non è richiesto". Il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi ha detto che la recessione nel nostro Paese durerà fino a metà 2009 e ha rilevato che "azzerare le conseguenze della crisi non è realistico, ma attenuarne il peso e preparare il terreno per un rilancio più rapido è possibile e farlo spetta al governo".

Leggi tutto
Prossimo articolo