Clima, contrasti tra Roma e Bruxelles sui costi per l'Italia

1' di lettura

Dopo lo scontro con Bruxelles sui costi per mettere in pratica il piano europeo antinquinamento il governo italiano rilancia la sua posizione. Giorgio Napolitano sottolinea: "La crisi finanziaria non deve far dimenticare l'ambiente"

All'indomani dello scontro con Bruxelles sul clima il governo tira dritto. Una bufera insensata, spiega il ministro Stefania Prestigiacomo che aggiunge: le nostre previsioni sono le più realiste, siamo in ritardo su rigassificatori e fonti rinnovabili ma la colpa è del governo precedente. L'europa, incalza il ministro Renato Brunetta, ha poco da bacchettare, i parametri indicati sono una follia per le imprese e per i Paesi. All'origine dello scontro i diversi calcoli sui costi per mettere in pratica il piano europeo contro l'inquinamento.

Leggi tutto
Prossimo articolo