Siria, iniziata l’evacuazione di quattro città assediate. FOTO

Un accordo tra il governo di Damasco e le forze ribelli ha consentito l’avvio delle operazioni di allontanamento di miliziani e civili dai centri di Madaya, Zabadani, Fuaa e Kefraya. LA FOTOGALLERY
  • Alle prime ore dell’alba del 14 febbraio, dalle città siriane controllate dai ribelli di Madaya e Zabadani sono partiti un centinaio di pullman con a bordo cittadini e miliziani. Nelle stesse ore gli abitanti di Fuaa e Kefraya si sono diretti verso le zone della provincia di Aleppo in mano al regime siriano. Le operazioni di evacuazione sono frutto di un accordo tra il governo e i ribelli -
    ©Getty Images
    Alle prime ore dell’alba del 14 febbraio, dalle città siriane controllate dai ribelli di Madaya e Zabadani sono partiti un centinaio di pullman con a bordo cittadini e miliziani. Nelle stesse ore gli abitanti di Fuaa e Kefraya si sono diretti verso le zone della provincia di Aleppo in mano al regime siriano. Le operazioni di evacuazione sono frutto di un accordo tra il governo e i ribelli - Siria, la ripartenza del negoziato di pace
  • L'intesa, a livello locale, è stata raggiunta anche grazie al coinvolgimento degli Hezbollah libanesi e dell'ala siriana di Al Qaida, e prevede il trasferimento forzato di comunità sciite e sunnite lontano dalle loro cittadine di origine -
    ©Getty Images
    L'intesa, a livello locale, è stata raggiunta anche grazie al coinvolgimento degli Hezbollah libanesi e dell'ala siriana di Al Qaida, e prevede il trasferimento forzato di comunità sciite e sunnite lontano dalle loro cittadine di origine - Siria, rapporti tesi Usa-Russia
  • L’accordo consiste nel trasferimento degli sciiti di Kefraya e Fuaa nella regione di Damasco, in parte controllata da milizie sciite libanesi e filo-iraniane. Stessa dinamica per i sunniti di Madaya e Zabadani nella regione di Idlib, dove il regime siriano e i suoi alleati stanno riunendo le popolazioni di questa confessione -
    ©Getty Images
    L’accordo consiste nel trasferimento degli sciiti di Kefraya e Fuaa nella regione di Damasco, in parte controllata da milizie sciite libanesi e filo-iraniane. Stessa dinamica per i sunniti di Madaya e Zabadani nella regione di Idlib, dove il regime siriano e i suoi alleati stanno riunendo le popolazioni di questa confessione - Siria, un'evacuazione di civili e feriti da Aleppo Est
  • Secondo quanto riferito dall'emittente al-Arabiya, sono oltre 30mila le persone coinvolte nel trasferimento di massa dalle quattro città siriane assediate. L’accordo che ha permesso l’evacuazione è stato raggiunto con la mediazione del Qatar, vicino ai ribelli, e dell’Iran, alleato del governo di Damasco -
    ©Getty Images
    Secondo quanto riferito dall'emittente al-Arabiya, sono oltre 30mila le persone coinvolte nel trasferimento di massa dalle quattro città siriane assediate. L’accordo che ha permesso l’evacuazione è stato raggiunto con la mediazione del Qatar, vicino ai ribelli, e dell’Iran, alleato del governo di Damasco - Siria, Corea del Nord: "Attacco Usa inaccettabile, giustifica atomica"
  • Per trasportare i cittadini di Fuaa e Kefraya sono stati utilizzati circa 100 autobus e 20 ambulanze -
    ©Getty Images
    Per trasportare i cittadini di Fuaa e Kefraya sono stati utilizzati circa 100 autobus e 20 ambulanze - Siria, i resti della città di Palmira dopo la riconquista
  • Per la prima volta, grazie a questa operazione, migliaia di civili e combattenti sono riusciti ad abbandonare i propri villaggi dopo un assedio ininterrotto di più di due anni -
    ©Getty Images
    Per la prima volta, grazie a questa operazione, migliaia di civili e combattenti sono riusciti ad abbandonare i propri villaggi dopo un assedio ininterrotto di più di due anni - Sei anni di guerra in Siria: i numeri del conflitto
  • "Non riesco a descrivere quello che sento, ma spero che un giorno tornerà l'armonia tra di noi come prima della guerra", ha dichiarato un residente di Kefraya alla "France Presse" -
    ©Getty Images
    "Non riesco a descrivere quello che sento, ma spero che un giorno tornerà l'armonia tra di noi come prima della guerra", ha dichiarato un residente di Kefraya alla "France Presse" - Attacco in Siria, il discorso di Trump alla Nazione
  • L’accordo, oltre all’evacuazione delle quattro città, prevede anche uno scambio di prigionieri fra miliziani e forze governative -
    ©Getty Images
    L’accordo, oltre all’evacuazione delle quattro città, prevede anche uno scambio di prigionieri fra miliziani e forze governative - Siria, la notizia dell'attacco Usa sui siti internazionali
  • L’applicazione dell’accordo, raggiunto il mese scorso, è slittata più volte a causa delle contrapposizioni tra le forze governative e i ribelli e per l’attacco chimico contro la cittadina di Khan Sheikhoun, nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli -
    ©Getty Images
    L’applicazione dell’accordo, raggiunto il mese scorso, è slittata più volte a causa delle contrapposizioni tra le forze governative e i ribelli e per l’attacco chimico contro la cittadina di Khan Sheikhoun, nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli - Siria, un collezionista d'auto d'epoca tra le macerie di Aleppo
  • Recentemente le Nazioni Unite hanno denunciato le condizioni di vita all’interno delle cittadine sotto assedio, parlando di una situazione "catastrofica" e di oltre 64mila civili "intrappolati in un circolo quotidiano di violenza e privazioni" -
    ©Getty Images
    Recentemente le Nazioni Unite hanno denunciato le condizioni di vita all’interno delle cittadine sotto assedio, parlando di una situazione "catastrofica" e di oltre 64mila civili "intrappolati in un circolo quotidiano di violenza e privazioni" - Missili Usa su Siria: 15 morti