Buenos Aires, in piazza contro l'omicidio di Micaela Garcia

Migliaia di persone in corteo in memoria della 21enne trovata morta sabato scorso in un campo. La ragazza era un'attivista dell'associazione "Ni Una Menos", schierata contro il femminicidio. LA FOTOGALLERY
  • ©LaPresse
    Migliaia di persone sono scese in piazza, a Buenos Aires, per commemorare Micaela Garcia. La giovane, uccisa all'inizio del mese e ritrovata senza vita sabato scorso, era un'attivista dell'associazione "Ni Una Menos", impegnata nella lotta alla violenza sulle donne - Il sito di "Ni Una Menos"
  • ©LaPresse
    Micaela era scomparsa nella notte fra sabato 1 e domenica 2 aprile a Gualeguay, una città della provincia di Entre Rios, nella zona nord orientale dell'Argentina. Il suo corpo, nudo e con evidenti indizi di violenza, è stato ritrovato l'8 aprile in un campo - La notizia dell'omicidio sul sito del Clarín
  • ©LaPresse
    Secondo gli accertamenti medici, Micaela è stata strangolata dal suo assassino. Il sospettato numero uno è Sebastian Wagner, 30 anni, già condannato a 9 anni per due casi di violenza nel 2012 e, al momento del delitto, in libertà condizionale -
  • ©LaPresse
    Micaela Garcia era sparita dopo una serata in discoteca. A mettere gli inquirenti sulle tracce di Wagner le telecamere di sicurezza, che hanno immortalato una macchina di sua proprietà sulle tracce della ragazza - Mattarella: "Femminicidio un'emergenza inquietante"
  • ©LaPresse
    Sebastian Wagner ha cercato di far perdere le proprie tracce ed è fuggito, armato di una pistola calibro 22. Sono stati i suoi stessi parenti a rivelare il nascondiglio e a propiziarne l'arresto. Gli inquirenti stanno valutando se avesse dei complici -
  • ©LaPresse
    La manifestazione che chiede giustizia per Micaela e richiama l'attenzione sui temi della violenza di genere e del femminicidio, è avvenuta nello stesso giorno dei funerali della giovane uccisa, che si sono tenuti a Concepción del Uruguay -
  • Buenos Aires manifestazione Micaela Garcia
    ©LaPresse
    Nel weekend la famiglia di Micaela ha ricevuto la solidarietà del Papa, come riferito su Facebook dal padre, Nestor Garcia: "In mezzo a tanto dolore una immensa allegria, mi ha chiamato Papa Francesco e abbiamo conversato per 5 minuti, ha parlato anche con Andrea (la moglie). Guarda fino a dove arriva la tua lotta e il tuo messaggio, tesoro mio"