Londra, le indagini della polizia scientifica dopo l'attentato. FOTO

Dopo l'attacco a Westminster che ha causato la morte di cinque persone, incluso l'attentatore, sono state arrestate dieci persone. Gli agenti hanno lavorato per ore all'esterno del Parlamento a caccia di ulteriori prove. LA FOTOGALLERY

  • ©Getty Images
    I responsabili di Scotland Yard per l'antiterrorismo hanno messo a segno blitz a Londra, Birmingham e nel West Midlands. Dieci le persone agli arresti. Uomini della polizia scientifica lavorano sul luogo dell'attentato che mercoledì 22 marzo ha colpito il cuore della capitale del Regno Unito - Gli arresti a Londra e Birmingham
  • ©Getty Images
    La ricerca delle prove si concentra in particolare all'esterno del Parlamento e su quello che è stato ribattezzato il “ponte della morte” - La dinamica dell'attentato
  • ©Getty Images
    Qualcuno ha legato un fiore al nastro che la polizia ha utilizzato per circondare l'area, nei pressi del Queen Elizabeth II Centre - Londra, the day after
  • ©Getty Images
    Un agente posa dei fiori vicino al palazzo di Whitehall, accanto alla foto del suo collega, Keith Palmer: il poliziotto ucciso dall'attentatore - Tra i feriti anche un'italiana
  • ©Getty Images
    I poliziotti battono la zona palmo a palmo alla ricerca di ulteriori indizi. l'attentatore è morto ed è già stato identificato - La rivendicazione dell'Isis
  • ©Getty Images
    Il vice commissario della Met Police, Mark Rowley, ha spiegato che le indagini ora si concentrano “sulle motivazioni che hanno spinto l'uomo all'azione e sulla preparazione dell'attacco” - Le parole del vice commissario
  • ©Getty Images
    Scotland Yard ha chiesto la collaborazione di tutti i londinesi, spingendoli a “usare il loro istinto” e a segnalare qualsiasi cosa sospetta - La notizia fa il giro del mondo
  • ©Getty Images
    “Il lavoro per comprendere quanto accaduto continua con forza”, ha aggiunto Rowley, invitando chiunque a “caricare sul sito della polizia foto e video che possano contribuire alle indagini” - Il link dove caricare le immagini