Leonardo e quel simbolo nascosto nel quadro "La Vergine delle Rocce"

Ci sarebbe un cane con guinzaglio sotto la selva che sovrasta le figure umane nel capolavoro del genio italiano custodito al Louvre di Parigi. Ad annunciare la scoperta è Silvano Vinceti, presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici, che sottolinea: "Quel cane è l'atto di accusa contro la corruzione del Papato dell'epoca". LE FOTO 

  • Marzo 2017 - Ci sarebbe un cane con guinzaglio sotto la selva che sovrasta le figure umane nella "Vergine delle Rocce", capolavoro di Leonardo custodito al Louvre di Parigi –
  • Ad annunciare la scoperta è Silvano Vinceti, presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici, che sottolinea: "Quel cane è l'atto di accusa di Leonardo Da Vinci contro la corruzione del Papato dell'epoca". La scoperta è stata fatta da Roberto Biggi, ricercatore del Comitato –
  • Attraverso quella figura nascosta sotto il fogliame, Leonardo punterebbe dunque il dito contro il papato di allora che privilegiava il potere temporale rispetto a quello spirituale – spiega Vinceti -. L’artista, genio del Rinascimento, utilizza il dipinto per esprimere il suo pensiero e la richiesta di un rigoroso Cristianesimo che riprenda l'esempio di Dio per i Comandamenti e di Gesù come espresso nei Vangeli".
  • Questa scoperta consoliderebbe l'interpretazione di Leonardo come uomo depositario di una religiosità rigorosa. “Il cane - aggiunge il presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici – serve come monito per impedire che si disobbedisca” -
  • Il guinzaglio invece rappresentava nelle caccie medievali e rinascimentali lo strumento che permetteva al feudatario di evitare che i cani mangiassero la preda. “Per Leonardo quindi il cane con guinzaglio è il simbolo dell'uomo che deve obbedire a Dio, ai Comandamenti divini, a Gesù, alla vita che Gesù ha incarnato perfettamente per esprimere l'amore cristiano".