Brasile, almeno 26 morti durante una rivolta in carcere. FOTO

È accaduto a Alcaçuz a Natal, nello stato del Rio Grande do Norte del Brasile. All'origine dei disordini ci sarebbe uno scontro fra due cartelli rivali: il Primeriro Comando da Capital (PCC) e il Comando Vermelho

  • ©Getty Images
    Secondo fonti della polizia, citate da AFP, è di almeno 26 vittime il bilancio della maxi rivolta scoppiata il 14 gennaio e durata per 14 ore, nel carcere di Alcaçuz a Natal, nello stato del Rio Grande do Norte del Brasile. Anche questa volta, come nei due precedenti episodi del 2017 avvenuti nei penitenziari di Amazonas e Roraima, ad accendere la sommossa sarebbe stato un conflitto fra bande rivali. Il presidente della Repubblica, Michel Temer, ha inviato diversi reparti dell'esercito per cercare di sedare la rivolta - Brasile, un'altra strage in carcere: 10 morti, tra cui 3 decapitati
  • ©Getty Images
    Come nei precedenti episodi anche la rivolta di Alcaçuz si è contraddistinta per una particolare ferocia. Le forze di polizia arrivate sul luogo hanno parlato di corpi smembrati e decapitati - Brasile, sommossa in carcere provoca 60 morti: 6 decapitati
  • ©Getty Images
    Le forze di sicurezza, che hanno preso d'assalto la prigione all'alba del 16 gennaio, sono riuscite a riportare l'ordine dopo 14 ore di violenze - Brasile, un'altra strage in carcere: 10 morti, tra cui 3 decapitati
  • ©Getty Images
    Secondo il racconto degli inquirenti all'origine delle violenze ci sarebbero stati gli scontri fra i membri di due gang rivali che hanno iniziato a combattere violentemente dopo essere riusciti a uscire dalle zone di sicurezza - Messico: arrestato “El Chapo” Guzman, boss del narcotraffico
  • ©Getty Images
    Alle parole del presidente Michel Temer, che in un primo momento aveva dichiarato via Twitter che il governo federale avrebbe fornito tutta "l'assistenza necessaria" alle autorità carcerarie, sono seguite quelle del ministro della Difesa, Raul Jungmann, che ha denunciato una "situazione di emergenza nazionale" - Brasile, italiano ucciso a Rio de Janeiro: arrestati 7 sospettati
  • ©Getty Images
    Al centro degli scontri ci sarebbe stata la rivalità fra due dei più grandi cartelli brasiliani della droga: il Primer Comando de la Capital (PCC) e il Comando Vermelho. Ciò ha portato gli esperti a dichiarare che le continue violenze in carcere facciano parte di una guerra fra i cartelli della droga per assumere il controllo di uno dei più importanti mercati mondiali della cocaina e delle rotte del narcotraffico - Messico: "El Chapo estradato negli Usa". Rischia la pena di morte
  • ©Getty Images
    Dall'inizio del 2017 sono almeno cento i prigionieri morti all'interno delle prigioni governative. Lo scontro maggiore si è avuto nel penitenziario di Manaus, a nord-est del Paese, in cui sono morte 60 persone, 6 delle quali decapitate. Anche in quel caso i membri del Primer Comando de la Capital hanno affrontato gli affiliati alla Familia do Norte, alleata a sua volta del potente cartello del Comando Vermelho - Brasile, sommossa in carcere provoca 60 morti: 6 decapitati
  • ©Getty Images
    Lo scorso 6 gennaio una seconda ondata di violenza, esplosa nel carcere di Roraima, ha provocato la morte di 33 persone. Le prigioni brasiliane sono spesso sotto un controllo de facto dei cartelli della droga che organizzano scontri fra i propri affiliati negli spazi ricreativi esterni - Brasile, nuova rivolta in carcere: almeno 33 morti a Roraima
  • ©Getty Images
    Diverse denunce di attivisti per i diritti umani sostengono che la violenza dentro le carceri sarebbe esacerbata dal problema del loro sovraffollamento. Stando ai dati di un rapporto del 2015 del ministero della Giustizia brasiliano, nelle carceri nazionali sarebbero detenute 622mila persone. Il Brasile ha la quarta popolazione carceraria più grande al mondo dopo gli Stati Uniti, la Cina e la Russia. Dopo i disordini di inizio mese, il governo federale ha annunciato lo stanziamento di 250 milioni di dollari per la costruzione di nuovi luoghi di detenzione - Carceri, l'appello del Papa: "Condizioni di vita detenuti siano degne"