Shinzo Abe e Obama a Pearl Harbor, prima visita congiunta della Storia

Il primo ministro giapponese  e il presidente americano in carica insieme nel luogo dell’attacco che ha causato l’entrata degli Usa nella Seconda Guerra Mondiale. LA FOTOGALLERY - IL VIDEO

  • ©Getty Images
    27 dicembre 2016 - Il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il presidente degli Stati Uniti Barack Obama hanno visitato insieme la base navale di Pearl Harbor, in un evento molto significativo per il processo di riconciliazione storica fra i due Paesi - Pearl Harbor, 75 anni fa l'attacco che sconvolse gli Stati Uniti
  • ©Getty Images
    La base navale di Pearl Harbor, nelle isole Hawaii, fu teatro il 7 dicembre 1941 di un violento attacco a sorpresa da parte delle forze aeronavali giapponesi alla marina degli Stati Uniti. Il blitz, che causò l'ingresso in guerra degli Usa, provocò quasi 2.500 morti e inflisse pesanti perdite all’esercito statunitense. La dichiarazione di guerra giapponese arrivò soltanto ad attacco in corso, tanto che il presidente di allora Franklin Delano Roosevelt parlò di “giorno dell’infamia” - La pagina del sito storico di Pearl Harbor
  • ©Getty Images
    Shinzo Abe non è il primo leader giapponese a visitare Pearl Harbor (altri tre lo hanno fatto in passato), ma è stato il primo a onorare le vittime statunitensi all’USS Arizona Memorial, la nave che affondò durante i bombardamenti giapponesi, e il primo a effettuare una visita congiunta insieme al presidente Usa - Il video della visita
  • ©Getty Images
    “È un gesto storico, che dimostra come le guerre possano finire e quelli che una volta erano nemici possano diventare alleati” ha dichiarato Barack Obama nel corso della cerimonia - Obama in visita a Hiroshima
  • ©Getty Images
    Shinzo Abe ha offerto le sue “sincere e durature condoglianze” per i soldati statunitensi uccisi nell’attacco a Pearl Harbor, dicendo che non bisogna ripetere mai più gli orrori della guerra - John Kerry in visita a Hiroshima
  • ©Getty Images
    Come era previsto, tuttavia, il primo ministro giapponese non ha chiesto scusa per l’attacco del 1941. La sua visita è stata simile a quella di Barack Obama a Hiroshima a maggio di quest’anno: commemorazione delle vittime, ma senza le scuse formali per un atto di guerra del passato - Obama a Hiroshima per commemorare le vittime
  • ©Getty Images
    I leader hanno omaggiato le vittime con corone di fiori, lasciando cadere alcuni petali nell’acqua. Poi hanno anche incontrato, salutato e abbracciato alcuni reduci dell’attacco del 1941 - La visita a Pearl Harbour, il video
  • ©Getty Images
    Dalla fine della guerra, Stati Uniti e Giappone hanno stretto un’alleanza duratura, che si è rinforzata durate l’amministrazione Obama. I gesti di riconciliazione storica come la visita di Abe a Pearl Harbor e quella di Obama a Hiroshima fanno da cornice a una partnership commerciale e militare molto importante per i due Paesi, soprattutto per arginare l’espansionismo della Cina nell’area del Pacifico - Da Hiroshima a Cuba, i viaggi storici di Obama