Ancora scontri negli Usa, ma Trump elogia la passione dei manifestanti

Dalle proteste sotto la Trump Tower di New York ai disordini di Portland (Oregon) e Oakland (California), continuano le contestazioni nelle grandi città Usa. Il neopresidente su Twitter: "Torneremo tutti insieme". LA GALLERY

  • ©ANSA
    Ancora proteste e disordini nelle grandi città americane in seguito all'elezione di Donald Trump - Leggi l'articolo
  • Dopo averli definiti "manifestanti di professione" in un nuovo tweet Trump ha tentato un'apertura verso chi protesta, lodandone la "passione". "Amo il fatto che piccoli gruppi di manifestanti la scorsa notte abbiano (messo) passione per la nostra nazione. Torneremo tutti insieme e saremo orgogliosi" ha scritto il nuovo presidente degli Stati Uniti - - L'incontro Trump-Obama alla Casa Bianca
  • ©ANSA
    Intanto per la seconda notte consecutiva migliaia di persone sono scese in piazza - L'incontro Trump-Obama alla Casa Bianca
  • ©ANSA
    Disordini e momenti di tensione con la polizia si sono registrati a Portland in Oregon - Lo speciale Usa 2016
  • ©ANSA
    Nella città dell'Oregon la polizia ha denunciato automobili danneggiate, edifici vandalizzati, principi di incendio
  • ©ANSA
    Momenti di tensione anche a Oakland dove si sono registrati lanci di molotov, sassi e agenti feriti
  • ©ANSA
    Un manifestante brucia la bandiera americana a Oakland
  • ©ANSA
    Un semaforo divelto in una strada di Oackland - Usa 2016: tutte le foto