ExoMars, l'Italia sbarca su Marte: attesa per la storica discesa. FOTO

Il lander Schiaparelli, progettato e assemblato sotto responsabilità italiana nell'ambito della missione congiunta Europa-Russia, dovrebbe arrivare sul pianeta alle 16.48. Raccoglierà dati in vista della seconda missione del 2020 - VIDEO 

  • L’Italia e l'Europa si avvicinano a Marte: alle 16.48 il lander Schiaparelli dovrebbe arrivare sulla superficie del pianeta rosso. (Le foto sono illustrazioni artistiche rilasciate dall'Agenzia Spaziale Europea)-
    ©ANSA
    L’Italia e l'Europa si avvicinano a Marte: alle 16.48 il lander Schiaparelli dovrebbe arrivare sulla superficie del pianeta rosso. (Le foto sono illustrazioni artistiche rilasciate dall'Agenzia Spaziale Europea)- VIDEO
  • Il veicolo attraverserà l’atmosfera in una discesa di sei minuti, durante i quali raccoglierà informazioni sul pianeta. Fino al contatto con Marte, previsto alle 15.37, il lander rimarrà in stato di ibernazione: a quel punto accenderà i computer di bordo e si preparerà alla discesa -
    ©Getty Images
    Il veicolo attraverserà l’atmosfera in una discesa di sei minuti, durante i quali raccoglierà informazioni sul pianeta. Fino al contatto con Marte, previsto alle 15.37, il lander rimarrà in stato di ibernazione: a quel punto accenderà i computer di bordo e si preparerà alla discesa - VIDEO
  • “Non potremo vedere il momento dell’ingresso in orbita – ha detto Paolo Ferri, italiano a capo delle operazioni di volo delle missioni Esa – ma se saremo fortunati il segnale di Schiaparelli sarà ricevuto da un radiotelescopio a Pune, in India” -
    ©LaPresse
    “Non potremo vedere il momento dell’ingresso in orbita – ha detto Paolo Ferri, italiano a capo delle operazioni di volo delle missioni Esa – ma se saremo fortunati il segnale di Schiaparelli sarà ricevuto da un radiotelescopio a Pune, in India” - VIDEO
  • “Potremo dire che il lander sarà sopravvissuto alla discesa solo dopo aver ricevuto il segnale – ha detto ancora Ferri – Schiaparelli comunicherà per 15 minuti, poi spegnerà i sensori per risparmiare energia e continuerà a lavorare” -
    ©LaPresse
    “Potremo dire che il lander sarà sopravvissuto alla discesa solo dopo aver ricevuto il segnale – ha detto ancora Ferri – Schiaparelli comunicherà per 15 minuti, poi spegnerà i sensori per risparmiare energia e continuerà a lavorare” - VIDEO
  • I dati sul pianeta elaborati dal lander saranno ricevuti dalla sonda Mars Express dell’Esa e dall’orbiter della missione ExoMars, il Trace Gar Orbiter, che li ritrasmetteranno alla Terra -
    ©LaPresse
    I dati sul pianeta elaborati dal lander saranno ricevuti dalla sonda Mars Express dell’Esa e dall’orbiter della missione ExoMars, il Trace Gar Orbiter, che li ritrasmetteranno alla Terra - VIDEO
  • Schiaparelli è una stazione metereologica: pesa circa 600 kg e la sua missione è analizzare le tempeste di sabbia sul pianeta, i venti e l’eventuale presenza di metano nel suolo. Lavorerà per un periodo compreso tra 2 e 8 giorni terrestri -
    ©LaPresse
    Schiaparelli è una stazione metereologica: pesa circa 600 kg e la sua missione è analizzare le tempeste di sabbia sul pianeta, i venti e l’eventuale presenza di metano nel suolo. Lavorerà per un periodo compreso tra 2 e 8 giorni terrestri - VIDEO
  • La missione è limitata negli obiettivi: lo studio principale verrà fatto durante i sei minuti di atterraggio per comprendere l’atmosfera del pianeta e raccogliere dati in vista della seconda missione ExoMars del 2020 -
    ©LaPresse
    La missione è limitata negli obiettivi: lo studio principale verrà fatto durante i sei minuti di atterraggio per comprendere l’atmosfera del pianeta e raccogliere dati in vista della seconda missione ExoMars del 2020 - VIDEO
  • “ExoMars è uno dei passi necessari per poter conoscere Marte – ha detto Paolo Nespoli, astronauta italiano, a Sky TG24 – Se mi offrissero di andare sul pianeta direi subito di sì” –
    ©LaPresse
    “ExoMars è uno dei passi necessari per poter conoscere Marte – ha detto Paolo Nespoli, astronauta italiano, a Sky TG24 – Se mi offrissero di andare sul pianeta direi subito di sì” – L'INTERVISTA