Germania, le immagini dell'esplosione in un impianto del colosso Basf

Il bilancio ufficiale dell'esplosione di questa mattina nello stabilimento della zona portuale di Ludwigshafen è di un morto, sei feriti e sei dispersi. I soccorsi sono arrivati da tutto il Land della Renania-Palatinato. Esclusa la presenza di sostanze nocive nell'aria. FOTOGALLERY

  • Almeno una vittima, sei feriti e sei dipendenti ancora dispersi: è questo il bilancio dell'esplosione avvenuta questa mattina nella zona portuale di Ludwigshafen, utilizzata dal colosso chimico Basf, circa 80 chilometri a sud-ovest di Francoforte. Sempre questa mattina, c'era stata un'altra esplosione in un altro impianto Basf a Lampertheim, ma meno grave -
    ©ANSA
    Almeno una vittima, sei feriti e sei dipendenti ancora dispersi: è questo il bilancio dell'esplosione avvenuta questa mattina nella zona portuale di Ludwigshafen, utilizzata dal colosso chimico Basf, circa 80 chilometri a sud-ovest di Francoforte. Sempre questa mattina, c'era stata un'altra esplosione in un altro impianto Basf a Lampertheim, ma meno grave - Leggi l'articolo
  • Basf ha reso noto di aver sospeso le attività industriali dell’area interessata dall’esplosione per motivi di sicurezza. I cittadini sono stati invitati a restare in casa e a chiudere porte e finestre, ma il portavoce della città di Ludwigshafen ha confermato che "non sussistono pericoli di salute" -
    ©Getty Images
    Basf ha reso noto di aver sospeso le attività industriali dell’area interessata dall’esplosione per motivi di sicurezza. I cittadini sono stati invitati a restare in casa e a chiudere porte e finestre, ma il portavoce della città di Ludwigshafen ha confermato che "non sussistono pericoli di salute" - Leggi l'articolo
  • L'esplosione è avvenuta intorno alle 11.30 del 17 ottobre nel porto nord dell’impianto di Ludwigshafen, sul Reno. Questo è l'impianto principale del colosso tedesco Basf, dove si lavorano gas e petrolio -
    ©Getty Images
    L'esplosione è avvenuta intorno alle 11.30 del 17 ottobre nel porto nord dell’impianto di Ludwigshafen, sul Reno. Questo è l'impianto principale del colosso tedesco Basf, dove si lavorano gas e petrolio - Leggi l'articolo
  • In seguito all'esplosione, si è alzata una densa colonna di fumo nero ma le autorità della città di Mannheim, che si trova sull'altra sponda del Reno rispetto a quella dell'esplosione, hanno reso noto che "le misurazioni non hanno rivelato sostanze nocive nell'aria”. Rassicurazioni sono arrivate anche dal portavoce della città di Ludwigshafen -
    ©Getty Images
    In seguito all'esplosione, si è alzata una densa colonna di fumo nero ma le autorità della città di Mannheim, che si trova sull'altra sponda del Reno rispetto a quella dell'esplosione, hanno reso noto che "le misurazioni non hanno rivelato sostanze nocive nell'aria”. Rassicurazioni sono arrivate anche dal portavoce della città di Ludwigshafen - Leggi l'articolo
  • Sul luogo dell'incidente sono giunti soccorsi da tutto il Land della Renania-Palatinato e i vigili del fuoco sono in azione per evitare il coinvolgimento di altri impianti –
    ©Getty Images
    Sul luogo dell'incidente sono giunti soccorsi da tutto il Land della Renania-Palatinato e i vigili del fuoco sono in azione per evitare il coinvolgimento di altri impianti – Leggi l'articolo
  • In totale sono circa 21.000 le persone coinvolte dalle misure di sicurezza in seguito all'esplosione nell'area degli impianti della Basf. Si tratta di due quartieri a nord di Ludwighshafen, Edigheim e Pfingstweide, e di tre quartieri di Mannheim, sull'altra sponda del fiume Reno: Sandhofen, Scharhof e Kirschgartshausen, che insieme totalizzano circa 13.000 abitanti -
    ©ANSA
    In totale sono circa 21.000 le persone coinvolte dalle misure di sicurezza in seguito all'esplosione nell'area degli impianti della Basf. Si tratta di due quartieri a nord di Ludwighshafen, Edigheim e Pfingstweide, e di tre quartieri di Mannheim, sull'altra sponda del fiume Reno: Sandhofen, Scharhof e Kirschgartshausen, che insieme totalizzano circa 13.000 abitanti - Leggi l'articolo
  • Ancora da accertare le cause, ma - secondo quanto riferito da un portavoce dell’azienda - l’esplosione sarebbe stata determinata da lavori a tubature che vengono utilizzate per il trasbordo di liquidi infiammabili e gas dalle navi agli stabilimenti di produzione -
    ©Getty Images
    Ancora da accertare le cause, ma - secondo quanto riferito da un portavoce dell’azienda - l’esplosione sarebbe stata determinata da lavori a tubature che vengono utilizzate per il trasbordo di liquidi infiammabili e gas dalle navi agli stabilimenti di produzione - Leggi l'articolo
  • Tre ore prima, alle 8 e 30, l’esplosione a Lampertheim, in Assia: lo scoppio è avvenuto nell'impianto Basf di additivi plastici. L’incidente sarebbe meno grave e non ci sarebbe il rischio di un allarme ambientale -
    ©Getty Images
    Tre ore prima, alle 8 e 30, l’esplosione a Lampertheim, in Assia: lo scoppio è avvenuto nell'impianto Basf di additivi plastici. L’incidente sarebbe meno grave e non ci sarebbe il rischio di un allarme ambientale - Leggi l'articolo