Bob Dylan: da icona della musica a Nobel per la letteratura. FOTO

"Per aver creato nuove espressioni poetiche all'interno della grande tradizione della canzone americana": è questa la motivazione ufficiale del Premio assegnato al cantautore statunitense. I testi delle sue canzoni sono diventati l'inno simbolo delle lotte di intere generazioni 

  • ©Fotogramma
    13 ottobre 2016. Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, è stato premiato oggi con il Nobel per la Letteratura, a vent'anni esatti dalla prima candidatura. Nel settembre 1996 fu indicato all'Accademia Reale Svedese come meritevole del prestigioso riconoscimento dal professore Gordon Ball, docente di letteratura dell'Università della Virginia - Leggi l'articolo
  • ©Fotogramma
    A quella, se ne aggiunsero altre da studiosi americani di importanti università Usa, ottenendo anche l'appoggio del poeta Allen Ginsberg, il canotere della Beat generation. All'epoca Ball spiegò che Dylan era stato proposto "per l'influenza che le sue canzoni e le sue liriche hanno avuto in tutto il mondo, elevando la musica a forma poetica contemporanea" - Leggi l'articolo
  • ©Fotogramma
    Dai primi anni 2000 il nome di Bob Dylan è ricorso più volte nel toto-Nobel ma in pochi avevano previsto che l'Accademia potesse decidere di estendere il prestigioso riconoscimento a un genere come la musica contemporanea - Leggi l'articolo
  • ©Fotogramma
    Di lui Bruce Springsteen ha detto: "Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l'intelletto" - Leggi l'articolo
  • ©Getty Images
    Nel 2012 il presidente Barack Obama ha insignito alla Casa Bianca Bob Dylan della più alta onorificenza civile degli Usa, la ‘Medaglia Presidenziale della Libertà’ - Leggi l'articolo
  • ©Getty Images
    Nessuno come lui si è accanito contro il suo stesso mito, divertendosi a spiazzare pubblico e critica con scelte sorprendenti che vanno dalla svolta elettrica degli anni '60 alla conversione al credo dei Cristiani rinati fino al recente approdo agli spot pubblicitari, Victoria's Secret compreso - Leggi l'articolo
  • ©Getty Images
    Le sue canzoni più celebri hanno rappresentato, e ancora rappresentano, la sintesi perfetta dello spirito di quel tempo, diviso tra le aspirazioni a un mondo migliore, il rifiuto della guerra, la ricerca di un’identità per i giovani, da poco diventati effettivamente una nuova categoria sociologica - Leggi l'articolo
  • ©ANSA
    Dalla metà degli anni '80 si è imbarcato nell'ormai celebre Never Ending Tour (il tour senza fine), suonando, sempre con la stessa band. I concerti non seguono la ritualità del live show. Non c’è evento che possa cambiarne la natura: dall'esibizione per papa Wojtyla ai suoi concerti in Cina o a Saigon - Leggi l'articolo
  • ©ANSA
    Tra i molti riconoscimenti che sono stati conferiti a Dylan vanno menzionati almeno il Grammy Award alla carriera nel 1991, il Polar Music Prize (ritenuto da alcuni equivalente del premio Nobel in campo musicale nel 2000), il Premio Oscar nel 2001 (per la canzone Things Have Changed, dalla colonna sonora del film Wonder Boys, per la quale si è aggiudicato anche il Golden Globe), il Premio Pulitzer nel 2008, la National Medal of Arts nel 2009 e,come detto, la Presidential Medal of Freedom nel 2012 - Leggi l'articolo
  • ©Fotogramma
    Ma così come ha fatto tante volte, con questo premio Nobel Dylan è riuscito a sorprendere tutti. Il suo contributo alla storia della musica è addirittura difficile da definire: con i dischi incisi negli anni '60 all'inizio della sua carriera, ha aperto alla musica popolare le porte della grande letteratura, creando un modello e un mito contro cui ha lottato tutta la vita - Leggi l'articolo