Uragano Matthew, ora ad Haiti è allarme colera: FOTO

Dopo il declassamento a tempesta tropicale resta l'emergenza, soprattutto nel paese caraibico. Intanto salgono a 19 le vittime negli Stati Uniti

  • ©Getty Images
    Corsa contro il tempo, ad Haiti, per evitare che colera e altre malattie facciano strage. Con l'inizio della stagione delle piogge, e mentre il numero di morti causati dall'uragano Matthew continua ad aumentare, l'Unicef lancia l'allarme sui rischi per i bambini che vivono nelle aree maggiormente colpite - L'allarme dell'Unicef
  • ©Getty Images
    Sono già oltre 900 i morti già provocati dall'uragano. Il bilancio, però, è ancora provvisorio e ci vorranno giorni o settimane perché si arrivi ai dati reali sul numero delle vittime - Aggiornamenti sull'uragano Matthew
  • ©Getty Images
    Il colera, ad Haiti, è endemico: solo nel 2016, sempre secondo l'Unicef, sono stati registrati circa 27mila casi sospetti. La popolazione non si è ancora ripresa del tutto dal terremoto del 2010, e prima dell'uragano 55mila persone vivevano ancora in rifugi e baracche - Aggiornamenti sull'uragano Matthew
  • ©Getty Images
    Tutto il mondo, intanto, si mobilita per Haiti. Il 9 ottobre, l'appello del Papa: “Assicuro la mia vicinanza alle popolazioni ed esprimo fiducia nel senso di solidarietà della comunità internazionale, delle istituzioni cattoliche e delle persone di buona volontà” - Le parole di Papa Francesco
  • ©Getty Images
    La Caritas ambrosiana ha già stanziato 25mila euro per i primi soccorsi e ha lanciato una raccolta fondi, che si aggiunge alle iniziative di Oxfam e Croce Rossa - Aggiornamenti sull'uragano Matthew
  • ©Getty Images
    Sale intanto a 19 il bilancio delle vittime negli Stati Uniti: 8 in North Carolina (dove ci sono ancora 4 dispersi), 4 in Georgia, 6 in Florida e una in South Carolina. In queste zone il presidente Barack Obama ha dichiarato lo stato di emergenza - Aggiornamenti sull'uragano Matthew