Francia, riforma del lavoro: scontri da Parigi a Nantes. FOTO

Proteste in molte città per l'approvazione della legge “El Khomri”. Ferito un fotografo. VIDEO

  • ©Getty Images
    Scontri tra manifestanti e forze dell’ordine in diverse città della Francia. I cortei protestano per l’approvazione, grazie alla fiducia, della legge “El Khomri” di riforma del lavoro. Nella foto le forze dell’ordine in azione a Parigi - Nuit Debout, il movimento di protesta che agita le notti francesi
  • ©Getty Images
    Cosa prevede la riforma del lavoro che infiamma Parigi: le 35 ore, ad esempio, non verranno abolite tout-court, come si temeva, ma sarà concesso alle compagnie di fissare una settimana lavorativa fino a 48 ore o turni di lavoro di 12 ore. Proprio l'aumento del peso della contrattazione di secondo livello a scapito della contrattazione nazionale è il cuore della riforma - Nuit Debout, il movimento di protesta che agita le notti francesi
  • ©Getty Images
    Le forze dell'ordine e i manifestanti a Parigi - Brennero, scontri tra anarchici e forze dell'ordine
  • ©Getty Images
    Scene di guerriglia a Montparnasse, dove giovani hanno lanciato pietre contro la polizia, che ha risposto con lacrimogeni. Nella foto gli scontri di Parigi - Spagna, indignados ancora in piazza: scontri con la polizia
  • ©Getty Images
    Cortei anche a Marsiglia, dove molti cassonetti sono stati incendiati e la polizia ha disperso i manifestanti con i lacrimogeni, Montpellier, Tolosa e Rennes. Nell’immagine alcuni manifestanti a Rennes - Nuit Debout, il movimento di protesta che agita le notti francesi
  • ©Getty Images
    Tensione tra manifestanti e polizia a Parigi - Brennero, scontri tra anarchici e forze dell'ordine
  • ©Getty Images
    I primi scontri sono stati segnalati a Nantes, dove un fotografo del quotidiano “Ouest France” è stato ferito alla testa da una bottiglia. In Bretagna i dimostranti hanno interrotto il traffico ferroviario diretto a Parigi. Nella foto i manifestanti a Parigi in mezzo ai lacrimogeni - Spagna, indignados ancora in piazza: scontri con la polizia
  • ©Getty Images
    Un manifestante tenta di ripararsi dai lacrimogeni a Parigi - Nuit Debout, il movimento di protesta che agita le notti francesi
  • ©Getty Images
    "Quando non si viene ascoltati bisogna provare a farsi sentire" è il motto lanciato da Philippe Martinez, leader della Cgt, il sindacato piu' duro. Nella foto un manifestante a Parigi - Brennero, scontri tra anarchici e forze dell'ordine
  • ©Getty Images
    Il ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve, ha annunciato davanti al Parlamento che solo oggi sono state fermate "49 persone, in possesso di armi improprie, acidi, proiettili". Ed ha annunciato "massima fermezza" con i violenti. Nell’immagine un manifestante a Rennes tiene in mano dei fiori davanti alle forze dell’ordine - Spagna, indignados ancora in piazza: scontri con la polizia
  • ©Getty Images
    "Avete visto cosa può essere la violenza, qui a Rennes, e non è stata la prima volta - ha spiegato il premier francese Manuel Valls - Di fronte a degli individui incappucciati, con i caschi, dei vili, ai quali non sempre si può dare un nome o un'appartenenza politica, ogni parola, ogni atto deve trovare una risposta chiara, netta, della Repubblica, dell'azione della polizia, e della giustizia". Nella foto un manifestante a Rennes fa il segno della pace rivolto alla polizia - Nuit Debout, il movimento di protesta che agita le notti francesi
  • ©Getty Images
    Sono sette i sindacati all'origine dell'iniziativa, che prevede manifestazioni anche il 19 maggio. Si tratta della sesta e settima giornata di proteste in poco più di due mesi per contestare il testo del ministro del Lavoro, Myriam El Khomri, giudicato troppo favorevole alle imprese. Nella foto la polizia durante le proteste a Rennes - Brennero, scontri tra anarchici e forze dell'ordine