Panama Papers: da Putin a Messi, i personaggi coinvolti

Una rete off shore che coinvolge capi di Stato, sovrani, politici e sportivi. Nella lista anche 800 italiani, tra cui Luca Cordero di Montezemolo (ambienti vicini all’imprenditore smentiscono) e Jarno Trulli, che a Sky TG24 dice: la mia società è dichiarata. VIDEO

  • Politici, vip, teste coronate. Sono tanti i nomi noti spuntati nelle carte dei Panama Papers, la più grande fuga di notizie nella storia della finanza, svelata da un’inchiesta internazionale dell’Icij, un consorzio di giornalisti investigativi di tutto il mondo. Avrebbero messo le mani su milioni di documenti che rivelerebbero un enorme giro di denaro verso i paradisi fiscali - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • Come spiega il pool di giornalisti investigativi, "la maggior parte dei servizi offerti dall'industria dell'offshore è perfettamente legale se usata nel rispetto delle leggi e dichiarata al Fisco. Ma i documenti esaminati dall'Icij mostrano che banche e studi legali non avrebbero seguito le norme che permettono di individuare i clienti coinvolti in attività illegali". "Panama Papers: così vip e potenti del mondo hanno nascosto miliardi nei paradisi fiscali "
  • ©Getty Images
    Il presidente russo Vladimir Putin sarebbe tra i beneficiari di uno schema che prevede lo spostamento di denaro dirottato da studi legali internazionali e banche verso paradisi fiscali (cioè uno stato con un livello di imposte molto basso). Il leader russo risulterebbe coinvolto in modo indiretto attraverso Serghei Roldugin: un musicista suo amico che appare il terminale - almeno nominale - di un trasferimento sotto banco di due miliardi di dollari partiti da Bank Rossia per essere indirizzati poi a Cipro e nel paradiso delle Isole Vergini Britanniche. Un portavoce del Cremlino ha respinto le accuse come una montatura politica - Il Cremlino accusa: opera della Cia
  • ©Getty Images
    Anche il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko è tra i nomi convolti. L’inchiesta si basa su 11 milioni di documenti analizzati da giornalisti di 76 Paesi: la più grande fuga di notizie o indiscrezioni nella storia della finanza e della politica, persino più vasta di quelle di Wikileaks nel 2010 e delle intercettazioni della Nsa americana svelate da Edward Snowden nel 2013 - Panama Papers, vip e leader del mondo citati nella carte: lo SkyWall
  • ©Getty Images
    I documenti di quelli che son stati già ribattezzati Panama Papers vedono coinvolti anche nomi di familiari del leader cinese Xi Jinping. Le carte avrebbero origine in uno studio legale internazionale specializzato in paradisi fiscali, il Mossack Fonseca - Panama Papers, tutti i video
  • ©Getty Images
    Tra le carte anche il nome del padre dell'attuale primo ministro britannico, David Cameron, morto nel 2010. Nell’inchiesta dei Panama Papers (11,5 milioni e 2,6 terabyte di dati) spuntano tra gli altri anche i premier di Islanda e Pakistan - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©Getty Images
    Sono molti i leader politici citati nei Panama Papers. Tra loro anche il presidente argentino Mauricio Macri. I documenti fanno riferimento a un arco temporale che va dal 1977 al 2015, quindi 38 anni - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©Getty Images
    C’è anche il nome del re Salman dell’Arabia Saudita tra i 14.000 clienti dello studio legale di Panama Mossack Fonseca, al centro dello scandalo, che ha uffici in 42 paesi in tutto il mondo e 600 impiegati - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    Il presidente siriano Bashar al-Assad è tra i nomi coinvolti in un’inchiesta condotta in segreto per oltre un anno da 307 giornalisti di 76 diversi Paesi di tutto il mondo riuniti nell'International Consortium of Investigative Journalists - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • Nelle carte ecco anche i nomi di due ex leader nordafricani, il defunto rais libico Muammar Gheddafi e l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak. Sono ben 214.000 le società offshore che compaiono nei file, legate a oltre 200 paesi diversi - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    La lista coinvolge anche sportivi come il calciatore del Barcellona Lionel Messi. Il suo nome viene collegato ad una società con sede a Panama "Mega Star Enterprises Inc.", creata nel 2012 - apparentemente per sottrarre capitali al fisco. "La società esiste, ma è inattiva e non ha mai avuto fondi e conti", sostengono Lionel Messi e la sua famiglia: "false e calunniose le accuse di evasione fiscale e riciclaggio. Si stanno studiando azioni legali contro i media che hanno diffuso la notizia" - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    Nei Panama Papers compare anche il nome di Michel Platini, ex dirigente attualmente sospeso dell'Uefa. Secondo Le Monde, Platini fece aprire una società offshore circa un anno dopo la sua elezione ai vertici del calcio europeo e chiese agli avvocati della Mossack Fonseca di amministrare la Balney Enterprises Corp., nata a Panama il 27 dicembre 2007. Il quotidiano francese non ha avuto risposta alle domande poste a Platini sulle finalità di questa società, ma attraverso un suo portavoce ha fatto sapere che "i suoi affari sono assolutamente legali” - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    I documenti passati al giornale tedesco Suddeutsche Zeitung sono stati condivisi con un pool di oltre 300 reporter investigativi di vari media internazionali (per l'Italia l'Espresso). Proprio il settimanale romano cita alcuni italiani che sarebbero nelle carte: tra loro Luca Cordero di Montezemolo, che respinge ogni accusa. "Né Montezemolo né la sua famiglia possiedono alcuna società offshore": spiegano ambienti vicini all’imprenditore - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    I documenti analizzati da l'Espresso "confermano che lo studio Mossack Fonseca ha curato anche gli interessi del presidente di Alitalia, che però smentisce. "Mossack Fonseca non risulta essere un consulente fiscale della capogruppo" è stata la replica del portavoce di Unicredit (anch’essa tirata in ballo nei documenti) mentre Ubi Banca dice "Non abbiamo società controllate in quelle località" di Panama e Seychelles - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    Anche l’attore Jackie Chan figura nelle carte dell’inchiesta che secondo le accuse vedrebbe una gigantesca rete di banche e consulenti in grado di dirottare di nascosto miliardi di dollari verso paradisi off-shore. Le rivelazioni sono saltate fuori da uno sterminato archivio di documenti fatti filtrare dallo studio legale Mossack Fonseca - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    Secondo l’Espresso ci sono circa 800 nomi italiani. Tra loro sono citati l’imprenditore Giuseppe Donaldo Nicosia, latitante, coinvolto in un'inchiesta per truffa con Marcello dell'Utri, le banche Ubi e Unicredit, che hanno già smentito il proprio coinvolgimento, e il pilota Jarno Trulli, che a Sky TG24 ha detto: la mia società è dichiarata. Il video
  • ©Getty Images
    Altro leader tirato in ballo è re Mohammed VI del Marocco. Tra i dati spuntano 33 (tra persone e società) che risultano anche nella 'lista nera' degli Stati Uniti per legami con il terrorismo - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©ANSA
    Citati nell’inchiesta anche dirigenti sportivi sudamericani già comparsi nello scandalo Fifa, come l'ex vicepresidente del calcio mondiale Eugenio Figueredo (nella foto) e suo figlio Hugo, nonché l'uruguaiano Juan Pedro Damiani, del comitato etico della stessa Fifa - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo
  • ©Getty Images
    Altro denaro risulta riconducibile a 33 sigle o individui inseriti nella lista nera degli Usa per asserite connessioni con i signori della droga messicani, con organizzazioni definite terroristiche come gli Hezbollah sciiti libanesi, con Stati quali Corea del Nord o Iran. O più semplicemente con parenti di leader politici, come i figli del presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev (nella foto) - Panama Papers, miliardi in paradisi fiscali: accuse a vip e leader del mondo