Spagna, incidente bus Erasmus. Farnesina: 7 italiani tra le 13 vittime

Il pullman stava riportando a casa un gruppo di universitari  che aveva assistito a un festival di fuochi d'artificio a Valencia. FOTO E VIDEO

  • Un bus che riportava a casa un gruppo di studenti Erasmus che era stato ad un festival di fuochi d'artificio a Valencia, ha avuto un grave incidente su una delle principali autostrade nel nord est della Catalogna. Il bilancio è di 13 morti, di cui almeno 7 potrebbero essere italiani. Non c'è ancora la conferma ufficiale", ma le autorità spagnole "hanno detto che potrebbero essere fino a sette" le vittime italiane dell'incidente hanno confermato fonti della Farnesina - Video
  • Fra i 34 feriti ricoverati negli ospedali di Tortosa, Tarragona e Barcellona ci sono anche cinque italiani. Di questi, tre ragazze e un ragazzo, secondo fonti del ministero degli Interni catalano. Tre sarebbero "non gravi", una ragazza è in condizioni definite "gravi", mentre non si conoscono le condizioni del quinto. Sul posto si e' recato il console generale a Barcellona Stefano Nicoletti, che ha reso visita ai giovani italiani - Video
  • La causa del grave incidente potrebbe essere stato "un errore" dell'autista. Lo ha dichiarato il ministro degli Interni del governo catalano Jordi Jané, secondo quanto riportato da El Pais. Il conducente dell'autobus, ferito in modo lieve, è stato portato al commissariato. Secondo i primi esami non era sotto l'effetto di alcolici o stupefacenti. Lavora da 17 anni per la stessa ditta, Autocares Alejandro, e non ha mai avuto un incidente. Secondo le prime ricostruzioni, il bus avrebbe urtato il guardrail di destra, poi l'autista avrebbe dato una sterzata a sinistra finendo sull'altro lato dell'autostrada contro un'auto che veniva in senso opposto, i cui due passeggeri sono stati feriti - Video
  • Gli studenti Erasmus che viaggiavano sull'autobus hanno tutti tra i 22 e i 29 anni. Solo due studenti spagnoli si trovavano a bordo del pullman. In tutto c'erano giovani di 22 nazionalità diverse. Secondo la stampa spagnola, che cita la protezione civile catalana, queste le nazionalità degli studenti a bordo, seguendo l'ordine del documento diffuso ai giornalisti: Perù, Bulgaria, Polonia, Irlanda, Olanda, Belgio, Palestina, Giappone, Ucraina, Repubblica Ceca, Nuova Zelanda, Regno Unito, Italia, Ungheria, Germania, Svezia, Turchia, Grecia, Finlandia, Norvegia e Svizzera - Video
  • Il governo catalano ha annunciato due giorni di lutto. Puigdemont in segno di solidarietà con le famiglie delle vittime ha annullato la visita che aveva in programma a Parigi - Video