Corsa alla Casa Bianca, Trump e Clinton staccano Cruz e Sanders

Donald Trump e Hillary Clinton escono rafforzati dal SuperMartedì nel quale si votava in 11 Stati. Nel campo repubblicano tiene Ted Cruz mentre scendono le quotazioni di Marco Rubio. Tra i democratici Bernie Sanders arretra ma non molla. FOTO - VIDEO - LO SPECIALE

  • Il Super Martedì, il singolo giorno delle primarie in cui assegnano più delegati con 12 stati al voto, ha visto due vincitori, Donald Trump e Hillary Clinton, che il primo marzo hanno fatto decisi passi avanti verso la nomination dei rispettivi campi -
    ©Getty Images
    Il Super Martedì, il singolo giorno delle primarie in cui assegnano più delegati con 12 stati al voto, ha visto due vincitori, Donald Trump e Hillary Clinton, che il primo marzo hanno fatto decisi passi avanti verso la nomination dei rispettivi campi - Usa 2016, Clinton e Trump dominano il Super Tuesday
  • Dondal Trump, il miliardario newyorchese diventato il protagonista delle primarie repubblicane, si è aggiudicato ben 7 Stati in cui si è votato su 11 totali -
    ©Getty Images
    Dondal Trump, il miliardario newyorchese diventato il protagonista delle primarie repubblicane, si è aggiudicato ben 7 Stati in cui si è votato su 11 totali - Usa 2016, lo speciale
  • Ottimo risultato anche per Hillary Clinton. L'ex segretario di Stato può sorridere: su 11 Stati in palio nelle primarie del Super Martedì se ne è portati a casa sette, tra cui quelli che assegnavano il maggior numero di delegati: Texas, Massachusetts, Georgia e Virginia -
    ©Getty Images
    Ottimo risultato anche per Hillary Clinton. L'ex segretario di Stato può sorridere: su 11 Stati in palio nelle primarie del Super Martedì se ne è portati a casa sette, tra cui quelli che assegnavano il maggior numero di delegati: Texas, Massachusetts, Georgia e Virginia - Hillary Clinton vince in South Carolina, gli afroamericani sono con lei
  • Per Bernie Sanders il Super Tuesday non è stato successo ma neanche un disastro totale. Ha perso negli Stati del Sud dove c'è un alta percentuale di elettori di colore ma è comunque riuscito ad imporsi in Colorado, Minnesota, Oklahoma e Vermont -
    ©Getty Images
    Per Bernie Sanders il Super Tuesday non è stato successo ma neanche un disastro totale. Ha perso negli Stati del Sud dove c'è un alta percentuale di elettori di colore ma è comunque riuscito ad imporsi in Colorado, Minnesota, Oklahoma e Vermont - Dopo lo scontro con il papa Trump smorza i toni
  • Nel campo repubblicano l'unico altro candidato a sorridere, oltre a Donald Trump, è Ted Cruz. Ha chiuso il Super Martedì vincendo in tre Stati, tra cui il “suo” Texas, quello che garantiva il maggior numero di delegati -
    ©Getty Images
    Nel campo repubblicano l'unico altro candidato a sorridere, oltre a Donald Trump, è Ted Cruz. Ha chiuso il Super Martedì vincendo in tre Stati, tra cui il “suo” Texas, quello che garantiva il maggior numero di delegati - Con il Super Tuesday le primarie entrano nel vivo
  • Giornata amara invece per l'altro candidato repubblicano che sperava di mettere i bastoni tra le ruote di Donald Trump, Marco Rubio. E' riuscito ad imporsi solo in Minnesota, l'unico Stato da lui vinto vinto dall'inizio delle primarie -
    ©Getty Images
    Giornata amara invece per l'altro candidato repubblicano che sperava di mettere i bastoni tra le ruote di Donald Trump, Marco Rubio. E' riuscito ad imporsi solo in Minnesota, l'unico Stato da lui vinto vinto dall'inizio delle primarie - Clinton vs Sanders, primarie Usa da star
  • John Kasich (nella foto) e Ben Carson, gli altri due candidati sul fronte repubblicano, non hanno vinto in nessuno stato. Questa performance aumenterà la pressione su di loro da parte dell'establishment repubblicano perché si ritirino dalla corsa e facciano confluire i loro voti su un candidato in grado di opporsi a Donald Trump -
    ©Getty Images
    John Kasich (nella foto) e Ben Carson, gli altri due candidati sul fronte repubblicano, non hanno vinto in nessuno stato. Questa performance aumenterà la pressione su di loro da parte dell'establishment repubblicano perché si ritirino dalla corsa e facciano confluire i loro voti su un candidato in grado di opporsi a Donald Trump - Primarie Usa, Cruz batte Trump in Iowa
  • Di sicuro la strada verso la nomination per Donald Trump è sempre più spianata. La dirigenza del partito repubblicano preme perché si arrivi ad avere un candidato solo contro di lui. La speranza era Marco Rubio ma in molti stati in cui si è votato nel Super Martedì anche con i voti di Kasich e Carson Rubio non avrebbe superato Trump -
    ©Getty Images
    Di sicuro la strada verso la nomination per Donald Trump è sempre più spianata. La dirigenza del partito repubblicano preme perché si arrivi ad avere un candidato solo contro di lui. La speranza era Marco Rubio ma in molti stati in cui si è votato nel Super Martedì anche con i voti di Kasich e Carson Rubio non avrebbe superato Trump - Usa 2016, Clinton e Trump dominano il Super Tuesday
  • La via per la nomination sembra sempre più spianata anche per Hillary Clinton. Non è solo il fatto che abbia vinto in sette stati a infondere ottimismo sulla candidatura dell'ex Segretario di Stato ma anche l'ampio margine di vittoria che ha fatto registrare in stati come Virginia, Alabama, Tennessee e Georgia dove ha letteralmente distrutto Sanders -
    La via per la nomination sembra sempre più spianata anche per Hillary Clinton. Non è solo il fatto che abbia vinto in sette stati a infondere ottimismo sulla candidatura dell'ex Segretario di Stato ma anche l'ampio margine di vittoria che ha fatto registrare in stati come Virginia, Alabama, Tennessee e Georgia dove ha letteralmente distrutto Sanders - Usa 2016, lo speciale
  • Sanders con le 4 vittorie (tra cui quella inattesa in Oklahoma) si è garantito la possibilità di rimanere in corsa almeno per un altro paio di settimane. Poi si vedrà. Certo, fanno notare gli analisti, il Super Tuesday ha dimostrato la sua debolezza in tutti quegli stati in cui le minoranze formano una parte consistente dell'elettorato democratico -
    ©Getty Images
    Sanders con le 4 vittorie (tra cui quella inattesa in Oklahoma) si è garantito la possibilità di rimanere in corsa almeno per un altro paio di settimane. Poi si vedrà. Certo, fanno notare gli analisti, il Super Tuesday ha dimostrato la sua debolezza in tutti quegli stati in cui le minoranze formano una parte consistente dell'elettorato democratico - Hillary Clinton vince in South Carolina, gli afroamericani sono con lei
  • Non ha vinto ma Ted Cruz è considerato da molti analisti come un altro “vincitore” del Super Martedì dopo Donald Trump. Si è imposto come l'unico candidato in grado di dare del filo da torcere al miliardario populista e ha reso meno sostenibili le richieste di ritiro provenienti da alcuni settori del partito repubblicano -
    ©Getty Images
    Non ha vinto ma Ted Cruz è considerato da molti analisti come un altro “vincitore” del Super Martedì dopo Donald Trump. Si è imposto come l'unico candidato in grado di dare del filo da torcere al miliardario populista e ha reso meno sostenibili le richieste di ritiro provenienti da alcuni settori del partito repubblicano - Dopo lo scontro con il papa Trump smorza i toni
  • Situazione opposta per Marco Rubio. Con una sola vittoria all'attivo dall'inizio delle primarie la sua posizione di unico candidato in grado di fermare Trump è sempre più precaria. Ora rischia che al sua avventura finisca il 15 marzo prossimo quando si voterà in Florida, il suo stato, dove i sondaggi lo danno dietro a Trump di 20 punti -
    ©Getty Images
    Situazione opposta per Marco Rubio. Con una sola vittoria all'attivo dall'inizio delle primarie la sua posizione di unico candidato in grado di fermare Trump è sempre più precaria. Ora rischia che al sua avventura finisca il 15 marzo prossimo quando si voterà in Florida, il suo stato, dove i sondaggi lo danno dietro a Trump di 20 punti - Con il Super Tuesday le primarie entrano nel vivo
  • Di certo dopo il Super Martedì la corsa nei due campi sembra molto più definita con due netti favoriti: Donald Trump e Hillary Clinton. Non è escluso che nel corso della campagna i due inizino a confrontarsi a distanza uno con l'altro piuttosto che con i rispettivi avversari -
    ©Getty Images
    Di certo dopo il Super Martedì la corsa nei due campi sembra molto più definita con due netti favoriti: Donald Trump e Hillary Clinton. Non è escluso che nel corso della campagna i due inizino a confrontarsi a distanza uno con l'altro piuttosto che con i rispettivi avversari - Clinton vs Sanders, primarie Usa da star