Le proteste più creative e di impatto del 2015. FOTO

Dal riscaldamento globale ai diritti civili: l'anno che si avvia alla conclusione ha visto cittadini, attivisti e militanti organizzarsi in modo creativo per fare sentire la propria voce. Il magazine online Mashable ha scelto le iniziative più originali. GUARDA LE IMMAGINI

  • ©Getty Images
    Dall'ambiente ai migranti, il 2015 ha visto milioni di cittadini e attivisti mobilitarsi per sensibilizzare l'opinione pubblica su problemi globali e locali. Il magazine online Mashable ha scelto le iniziative più creative e d'impatto - Cop21, ecco le app dedicate al cambiamento climatico
  • ©Getty Images
    Al G7 di Garmisch-Partenkirchen lo scorso giugno gli attivisti hanno appeso dei palloncini raffiguranti i volti dei leader delle grandi potenze. “Cercate di essere qualcosa di più che aria fritta. Fate qualcosa per combattere la povertà estrema”, recitava un cartellone che accompagnava i palloncini - G7, Obama: “Serve fermezza contro le pressioni della Russia”
  • ©Getty Images
    Di impatto visivo, secondo il magazine Mashable, anche la protesta delle donne turche ad Ankara a giugno. Ispirate dalla morte di una studentessa che resisteva ad un tentativo di stupro, le manifestanti si sono coperte metà del volto con foto di donne vittime di violenza - Mattarella: “Violenza sulle donne un fenomeno da estirpare”
  • ©Getty Images
    Gli animalisti affiliati alla Peta non sono nuovi a proteste shock come quella messa in scena a Pamplona in occasione della tradizionale corsa dei tori di San Firmino, quando si sono coperti di rosso per sembrare insanguinati - San Firmino, al via a Pamplona le corse dei tori
  • ©Getty Images
    Molte le proteste e le manifestazioni in occasione del summit sul cambiamento climatico di Parigi, ribattezzato Cop21. Tra le più scenografiche quella organizzata da Greenpeace che ha colorato di giallo la porzione di Piazza Charles de Gaulle intorno all'Arco di Trionfo - Cop21, ecco le app dedicate al cambiamento climatico
  • ©Getty Images
    Tra le proteste più creative e di impatto dell'anno il magazine Mashable ha inserito anche i “die-in” organizzati dal movimento Back Lives Matter che lotta contro le violenze della polizia Usa ai danni della popolazione nera. I manifestanti si sdraiano sul terreno simboleggiando le vittime delle forze dell'ordine, come Michael Brown, ucciso a Ferguson nell'agosto 2014 - Razzismo, movimento Black Lives Matter entra in università
  • ©Getty Images
    Dopo gli attentati del 13 novembre le autorità francesi hanno vietato ogni manifestazione di massa nella capitale in occasione del summit sul cambiamento climatico. In tutta risposta per far sentire la propria voce alcuni attivisti hanno pensato di mandare al posto loro delle scarpe - Cop 21, cortei vietati: marcia simbolica delle scarpe
  • ©Getty Images
    La tragedia dei migranti ha caratterizzato buona parte del 2015. E una delle manifestazioni di protesta più drammatiche l'hanno inscenata a novembre i rifugiati al confine tra Grecia e Macedonia che si sono cuciti la bocca in reazione alla decisione da parte di alcuni Paesi europei di accogliere solo immigrati da “zone di guerra” come Siria, Afghanistan e Iraq - La marcia degli scalzi dal Lido a Palermo
  • ©Getty Images
    Manifestanti coperti di fango. È accaduto a Rio de Janeiro, dove alcuni attivisti lo scorso novembre hanno protestato presso il quartier generale di un'azienda estrattiva parzialmente proprietaria di due dighe dalle quali sono fuoriuscite acque inquinate che hanno devastato un villaggio uccidendo 10 persone - Cop 21, cortei vietati: marcia simbolica delle scarpe
  • ©Getty Images
    In occasione della “Giornata internazionale senza carne” dello scorso marzo un gruppo di attivisti ha organizzato una protesta molto di impatto a Città del Messico. Alcuni aderenti all'organizzazione si sono impacchettati all'interno di confezioni su cui si leggeva l'etichetta “Carne Umana”. Secondo Mashable anche questa iniziativa è stata tra le più creative dell'anno - Berlino, attiviste della PETA protestano in intimo
  • ©Getty Images
    La barriera di filo spinato eretta dalla Slovenia al confine con la Croazia per bloccare il flusso di migranti è stata bersaglio di varie iniziative di protesta. Una delle più efficaci, secondo Mashable, è quella che ha visto gli attivisti stringersi la mano dai lati opposti della separazione - Migranti in Croazia oltre 11 mila arrivi in un solo giorno
  • ©Getty Images
    Sempre lungo la barriere di filo spinato al confine tra Slovenia e Croazia gli attivisti hanno giocato a pallavolo per protestare contro il blocco dei migranti - Migranti, proteste per le restrizioni sulla rotta balcanica
  • ©Getty Images
    L'acqua colorata di viola è una delle armi che il governo nella parte indiana del Kashmir usa per gestire l'ordine pubblico. Ma, come sottolinea Mashable, poco ha potuto contro la determinazione dei dipendenti pubblici del luogo impegnati in tutto il corso dell'anno in proteste per vedersi pagati i salari e avere contratti più stabili - La marcia degli scalzi dal Lido a Palermo
  • ©Getty Images
    La crisi dei migranti nel Mediterraneo ha ispirato lo scorso aprile gli attivisti di Amnesty International, che hanno organizzato una protesta nella quale i manifestanti si sono chiusi in sacche per cadaveri sulla spiaggia della città di Brighton, nel Regno Unito - La marcia degli scalzi dal Lido a Palermo