Mali, attacco jihadista contro hotel frequentato da stranieri. FOTO

Gruppo di terroristi in azione nell'hotel Radisson Blue di Bamako. 170 persone in ostaggio per ore, tra queste anche dipendenti di Air France e Turkish Airlines, e membri dello staff Onu. Intervento delle forze speciali  dell'esercito e americane per liberare i prigionieri: almeno 27 vittime . Il 13 novembre gli attacchi a Parigi

  • 20 novembre - Una settimana esatta dopo la strage di Parigi, non si ferma il terrore jihadista. Nel Mali un hotel nel centro della capitale Bamako, il 'Radisson Blu', è stato attaccato da un commando armato islamista. Sono state prese in ostaggio 170 persone, di cui 130 clienti e un quarantina di dipendenti.
    ©Getty Images
    20 novembre - Una settimana esatta dopo la strage di Parigi, non si ferma il terrore jihadista. Nel Mali un hotel nel centro della capitale Bamako, il 'Radisson Blu', è stato attaccato da un commando armato islamista. Sono state prese in ostaggio 170 persone, di cui 130 clienti e un quarantina di dipendenti. Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • L'incursione è stata rivendicata da al-Mourabitoun, gruppo salafita affiliato a al-Qaeda e composto principalmente da tuareg e arabi del nord del Paese africano, protagonisti nel 2012 dell'occupazione di vaste terre
    ©Getty Images
    L'incursione è stata rivendicata da al-Mourabitoun, gruppo salafita affiliato a al-Qaeda e composto principalmente da tuareg e arabi del nord del Paese africano, protagonisti nel 2012 dell'occupazione di vaste terre Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • Dopo ore di assedio e due assalti successivi, le forze speciali maliane hanno riferito di aver ritrovato nell'albergo 27 corpi senza vita. In precedenza si era avuta notizia di almeno tre morti tra gli ostaggi, due guardie di sicurezza locali e un cittadino francese. Di sicuro risulta ucciso anche un funzionario belga
    ©Getty Images
    Dopo ore di assedio e due assalti successivi, le forze speciali maliane hanno riferito di aver ritrovato nell'albergo 27 corpi senza vita. In precedenza si era avuta notizia di almeno tre morti tra gli ostaggi, due guardie di sicurezza locali e un cittadino francese. Di sicuro risulta ucciso anche un funzionario belga Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • Stando inoltre al ministro per la Sicurezza, Salif Traorè, gli aggressori non avrebbero più prigionieri nelle loro mani. Due di loro sarebbero stati eliminati, ma sul numero complessivo c'è molta incertezza, si parla di una decina. Già nelle prime fasi dell'incursione i terroristi avevano comunque rilasciato coloro che si erano dimostrati in grado di recitare versetti del Corano
    ©Getty Images
    Stando inoltre al ministro per la Sicurezza, Salif Traorè, gli aggressori non avrebbero più prigionieri nelle loro mani. Due di loro sarebbero stati eliminati, ma sul numero complessivo c'è molta incertezza, si parla di una decina. Già nelle prime fasi dell'incursione i terroristi avevano comunque rilasciato coloro che si erano dimostrati in grado di recitare versetti del Corano Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • Al contrattacco hanno partecipato anche unità scelte americane e francesi, queste ultime provenienti dal vicino Burkina Faso, oltre ai caschi blu della Minusma, la Missione delle Nazioni Unite. Drammatiche le immagini dell'hotel circondato da soldati, poliziotti e 'teste di cuoio', mentre all'esterno risuonava l'eco di spari e di esplosioni
    ©Getty Images
    Al contrattacco hanno partecipato anche unità scelte americane e francesi, queste ultime provenienti dal vicino Burkina Faso, oltre ai caschi blu della Minusma, la Missione delle Nazioni Unite. Drammatiche le immagini dell'hotel circondato da soldati, poliziotti e 'teste di cuoio', mentre all'esterno risuonava l'eco di spari e di esplosioni Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • Gli estremisti si sarebbero asserragliati al settimo piano e da lì avrebbero continuato a fare fuoco. Erano arrivati a bordo di un'auto immatricolata con targa diplomatica, rubata: sparavano all'impazzata e gridavano "Allahu Akhbar!", Allah è grande. Secondo testimoni, tra loro parlavano in inglese
    ©Getty Images
    Gli estremisti si sarebbero asserragliati al settimo piano e da lì avrebbero continuato a fare fuoco. Erano arrivati a bordo di un'auto immatricolata con targa diplomatica, rubata: sparavano all'impazzata e gridavano "Allahu Akhbar!", Allah è grande. Secondo testimoni, tra loro parlavano in inglese Tutti gli aggiornamenti nel liveblog
  • Il 'Radisson Blu Hotel' è un albergo con clientela internazionale, molto frequentato da diplomatici e da uomini d'affari stranieri, situato nella zona residenziale econsiderato il più sicuro della città: vi alloggiano quindi spesso gli equipaggi delle compagnie di bandiera 'Air France' e 'Turkish Airlines' che fanno scalo in Mali
    ©Getty Images
    Il 'Radisson Blu Hotel' è un albergo con clientela internazionale, molto frequentato da diplomatici e da uomini d'affari stranieri, situato nella zona residenziale econsiderato il più sicuro della città: vi alloggiano quindi spesso gli equipaggi delle compagnie di bandiera 'Air France' e 'Turkish Airlines' che fanno scalo in Mali Tutti gli aggiornamenti nel liveblog