Aereo russo precipitato, esperti della scatola nera: è esploso in volo. FOTO

L'Airbus Kogalymavia/Metrojet caduto nel Sinai, con a bordo 224 persone, si sarebbe spaccato in aria. Il direttore del Comitato interstatale dell'aviazione russa, Viktor Sorochenko, ha rivelato: "La disintegrazione è accaduta in aria e i rottami sono sparsi in un'area molto vasta, di 20 chilometri quadrati". GALLERY

  • Prime ipotesi sul disastro aereo in cui hanno perso la vita 224 persone. Per il direttore del Comitato interstatale dell'aviazione russa, Viktor Sorochenko, che fa parte del team di esperti russi, egiziani e francesi che analizzano le scatole nere, l'Airbus sarebbe esploso in volo - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • ©Getty Images
    Sorochenko ha voluto precisare che questa affermazione non deve portare a conclusioni affrettate sulle cause del disastro: "E' troppo presto per parlare di conclusioni" - Lo strazio dei parenti
  • ©Getty Images
    Per far luce sul disastro aereo, una commissione internazionale composta da esperti egiziani, russi e francesi sta esaminando le scatole nere del volo Kogalymavia/Metrojet precipitato nel Sinai - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • Secondo quanto ipotizzano numerosi esperti citati dal sito specializzato AirLive.net l'aereo si sarebbe spaccato dopo una violenta depressurizzazione dovuta a una debolezza strutturale dell'Airbus A321-200. Il sito ricorda che il pilota del volo 9268 di Kogalymavia aveva espresso una serie di dubbi sulle condizioni meccaniche dell'Airbus in questione, parlando con la moglie - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • ©Getty Images
    Dopo la rivendicazione dei miliziani dell'Isis, che sostengono di aver abbattuto l'aereo, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sissi ha chiesto pazienza, anticipando che l'inchiesta potrebbe durare mesi - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • ©Getty Images
    Il governo russo e fonti della sicurezza egiziana hanno comunque smentito subito la rivendicazione dell'Isis e parlato di un guasto tecnico - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • ©Getty Images
    Dopo Air France e Lufthansa anche gli Emirates, la più grande compagnia aerea mediorientale basata a Dubai, ha deciso di sospendere i voli sul Sinai fino a quando non sarà fatta maggiore chiarezza sull'aereo civile russo precipitato sulla penisola egiziana - L'incidente, la rivendicazione dell'Isis, la smentita
  • ©Getty Images
    L'agenzia federale dei trasporti Rostransnadzor ha deciso intanto che tutti i voli Airbus A321 della compagnia russa Kogalymavia (che dal 2102 opera con il marchio Metrojet), la stessa dell'aereo precipitato ieri nel Sinai centrale, sono sospesi
  • ©Getty Images
    In Russia oggi, domenica 1 novembre, è il giorno del lutto nazionale proclamato dal presidente Vladimir Putin per le vittime dell'incidente aereo. Bandiere a mezz'asta e servizi religiosi in tutto il paese - Lo strazio dei parenti
  • Le autorità di San Pietroburgo, città della maggior parte delle vittime, hanno annunciato ben tre giornate di lutto - Lo strazio dei parenti
  • Il governo ha assicurato che pagherà un risarcimento alle famiglie delle vittime e contribuirà ad organizzare le procedure funerarie - Lo strazio dei parenti