La foresta brucia, Indonesia e Malesia invase dalla nebbia

La pratica illegale ma assai diffusa di bonificare il terreno incendiandolo sta causando seri problemi di inquinamento all’aria del sud-est asiatico. Il governo indonesiano non riesce a risolvere la situazione. GUARDA LE FOTO

  • ©Getty Images
    Una fitta nube tossica assedia il sud-est asiatico. Provocata dagli incendi delle foreste nell’isola di Sumatra e nella regione del Kalimantan (Borneo indonesiano) e favorita dal clima secco e arido, la caligine ha avvolto Singapore, Malesia e buona parte dell’Indonesia - Indonesia, erutta il vulcano Raung: traffico aereo in tilt
  • ©Getty Images
    Gli incendi in quella che viene considerata la più antica foresta tropicale del mondo sono causati da proprietari terrieri e aziende agricole che bruciano intere piantagioni di palma da olio e alberi per la produzione di carta nel tentativo di rendere il terreno più fertile per le nuove coltivazioni - Grecia, vasto incendio divampa alle porte di Atene
  • ©Getty Images
    L’uso del fuoco, che aumenta esponenzialmente il rischio di desertificazione, è circa 20 volte più economico rispetto alla bonifica e alla potatura tradizionale. Si ritiene che per i proprietari terrieri, i campi bruciati triplichino il proprio valore agli occhi degli investitori stranieri - Incendi, in California sgomberate 6 mila case
  • ©Getty Images
    La coltre di nebbia e fuliggine ha creato un clima irrespirabile in molti villaggi. La visibilità scende anche sotto i 50 metri. Molte scuole e negozi sono chiusi - L’Indonesia oltre lo tsunami: come è rinata Sumatra
  • ©Getty Images
    Anche il turismo e le attività economiche sono gravemente danneggiate da questa situazione che si verifica ormai puntualmente da alcuni anni, così che questo periodo viene ribattezzato dagli abitanti “stagione della foschia” - Indonesia, Sumatra sotto la cenere del vulcano
  • ©Getty Images
    Gli incendi nelle foreste tropicali di Sumatra e del Borneo si verificano lungo tutto il corso dell’anno ma la situazione è diventata più critica da quando la città stato di Singapore ha iniziato a lamentarsi per la crescita delle nubi inquinanti - L’incubo di una nuova mare nera al largo di Singapore
  • ©Getty Images
    Il tipo di inquinamento prodotto dagli incendi nelle zone avvolte dalla caligine più intensa supera di oltre 5 volte il livello di guardia. Oltre 150 mila persone sono state ricoverate per problemi respiratori. Nei villaggi più colpiti dalla nebbia, l’esercito ha consegnato migliaia di mascherine protettive alla popolazione - Russia, emergenza per incendi: raddoppiata la mortalità
  • ©Getty Images
    Il presidente indonesiano Joko Widodo aveva promesso di risolvere le criticità entro i primi giorni di ottobre ma la nube tossica continua ad avvolgere i cieli del sud-est asiatico. Lo stesso Widodo non è riuscito ad atterrare nell’isola di Sumatra per un sopralluogo a causa del fumo troppo intenso - Indonesia, erutta il vulcano Raung: traffico aereo in tilt
  • ©Getty Images
    Il potere del presidente Widodo è limitato da un sistema di governo decentrato che rende difficile estirpare la corruzione che lega gli amministratori locali ai proprietari terrieri che esercitano impunemente la pratica degli incendi - Grecia, vasto incendio divampa alle porte di Atene
  • ©Getty Images
    La comunità ambientalista internazionale accusa il presidente Widodo di non applicare la legge. Secondo molti esperti per ridurre sensibilmente il fenomeno illegale degli incendi basterebbe sanzionare i proprietari terrieri che violano la legge, senza alcuna eccezione - Incendi, in California sgomberate 6 mila case
  • ©Getty Images
    Secondo la legge, ogni famiglia può bruciare fino a un massimo di 2 ettari di terreno. Ma la prevenzione finora ha dato pochi risultati: delle trecento compagnie agricole indagate, solo quattro hanno subito il congelamento della concessione a causa del superamento dei quantitativi di legge - L’Indonesia oltre lo tsunami: come è rinata Sumatra
  • ©Getty Images
    Il presidente Widodo ha schierato al momento oltre 21 mila uomini per combattere gli incendi ma la situazione non sembra migliorare. Nella sola regione del Kalimantan i focolai sono circa 200 - Indonesia, Sumatra sotto la cenere del vulcano
  • ©Getty Images
    A fare le spese dell’elevato tasso di inquinamento non sono solo gli esseri umani. Nelle scorse settimane le autorità locali sono state costrette a prelevare dalla Riserva del Borneo oltre 200 oranghi esposti al rischio di gravi infezioni dell’apparato respiratorio - L’incubo di una nuova mare nera al largo di Singapore
  • ©Getty Images
    Secondo la Nasa, gli incendi di foreste e terreni agricoli che da settimane stanno diffondendo i fumi inquinanti nell’aria di diversi paesi del sud-est asiatico sono i peggiori che la storia umana abbia mai conosciuto - Russia, emergenza per incendi: raddoppiata la mortalità
  • ©Getty Images
    Gli esperti stimano che ogni anno nel sud-est asiatico vengono distrutti oltre 100 mila ettari di torbiere per fare spazio alle piantagioni di olio di palma, attraverso incendi che rilasciano nell’aria enormi quantità di carbonio - Greenpeace, un anno di battaglie per difendere la natura