Cile, nuova scossa di terremoto. FOTO

Un sisma di intensità 6,3 della scala Richter è stato registrato 90 chilometri a nord di Valparaiso. Sale a 12 il bilancio delle vittime, mentre si lavora per recuperare i luoghi colpiti. Uno tsunami di 80 centimetri massimi è stato misurato in Giappone. L'onda anomala, partita dall'altra parte dell'emisfero dopo la scossa di giovedì, non ha causato danni a persone o cose

 

  • ©Getty Images
    Case accartocciate, barche sulle strade, popolazione disperata. Sono le conseguenze del terremoto di mercoledì scorso, il sesto più violento nella storia del paese. Nel frattempo l’Istituto geofisico Usa ha registrato una nuova scossa di forte intensità (6,3 della scala Richter), 90 Km a nord di Valparaiso – Le immagini video
  • ©Getty Images
    A devastare il Cile è stata una scossa di magnitudo 8,3 con epicentro a 11 km di profondità nella regione di Coquimbo, che dista solo 200 km dalla capitale Santiago. La città più colpita è Illapel ma la scossa è stata avvertita anche in Argentina e Uruguay - Cile, terremoto di magnitudo 8,3
  • ©Getty Images
    Nelle ultime ore si è aggravato il bilancio delle vittime. Al momento sono almeno 12 i morti accertati e qualche decina i feriti. Tra le vittime, una donna di 35 anni schiacciata da un muraglione - Terremoto in Cile, notte di paura nel nord del Paese
  • ©Getty Images
    Mentre le famiglie cilene provano a ricompattarsi, l’ambasciata italiana a Santiago fa sapere via Twitter che non sono state riscontrate vittime e feriti di nazionalità italiana. È stato comunque attivato il numero d’emergenza: +56978098998 - Terremoto in Cile, l’album del 2010
  • ©Getty Images
    Circa un milione di cileni è stato evacuato preventivamente a seguito dell’allarme tsunami, poi rientrato. L’allerta è rimasto in vigore per 7 ore e tutti gli abitanti della costa, lunga 5 chilometri, sono stati costretti ad abbandonare le proprie case - Cile, terremoto di magnitudo 8,3
  • ©Getty Images
    Nonostante le onde abbiano superato i 4,5 metri di altezza, il temuto maremoto non si è verificato ma alcune città costiere sono state allagate, con linee elettriche e telefoniche in tilt. Alcune onde anomale sono state registrate anche in Giappone - Cile, terremoto di magnitudo 8.2: vittime e feriti
  • ©Getty Images
    La popolazione non è ancora tranquilla. Dopo il forte terremoto di mercoledì sera, lo sciame sismico di assestamento ha provocato una scossa di forte intensità e altre 400 di minor entità. Resta alto il rischio mareggiate - Cile, nuova scossa: terremoto di magnitudo 7.6.
  • ©Getty Images
    Mentre i cittadini si rimboccano le maniche per spalare il fango e rimuovere le macerie, la presidente Bachelet, che ha proclamato lo stato di catastrofe per la regione di Coquimbo, comunica che ci sono ancora 100 mila famiglie senza luce - Terremoto in Cile, notte di paura nel nord del Paese
  • ©Getty Images
    Non è la prima volta che il Cile è costretto ad affrontare un’emergenza simile. Il 27 febbraio 2010 il sud del Paese era stato colpito da una violentissima scossa, con conseguente tsunami, che aveva provocato 524 vittime - Terremoto in Cile, l’album del 2010
  • ©Getty Images
    Negli ultimi cento anni in Cile sono stati almeno una decina i terremoti con magnitudo superiore a 7 gradi della scala Richter. Il più forte si verificò il 22 maggio 1960: 9,5 gradi di magnitudo, il più violento terremoto di sempre nella storia - Cile, terremoto di magnitudo 8.2: vittime e feriti
  • ©Getty Images
    Noto anche come Grande Terremoto Cileno, il sisma di Valdivia del 1960 provocò uno tsunami con onde alte 25 metri, che raggiunsero anche Hawaii, Giappone, Australia e Alaska, e l’eruzione del vulcano Puyehue. Almeno 3 mila morti e 2 milioni di sfollati - Cile, nuova scossa: terremoto di magnitudo 7.6
  • ©Getty Images
    Il sisma di mercoledì è il sesto più forte della storia del Cile e il più intenso dall’inizio dell’anno in tutto il mondo. Il più grave, invece, è quello che si verificò in Nepal il 25 aprile scorso con oltre 8 mila morti - Terremoto devasta il Nepal
  • ©Getty Images
    Secondo gli esperti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il terremoto cileno è stato causato dal progressivo spostamento (15 centimetri all’anno) della placca oceanica di Nazca sotto la placca continentale su cui sorge il Paese sudamericano - Terremoto in Cile, l’album del 2010
  • ©Getty Images
    La cultura del sisma e il sistema di protezione civile del Cile hanno consentito di evitare una strage. La BBC ha lodato l’organizzazione cilena confrontandola con il terremoto assai meno potente che nel 2010 distrusse Haiti e causò 300 mila morti - Haiti, un paese distrutto
  • ©Getty Images
    Attraverso le parole dell’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini e del commissario alle crisi umanitarie Christos Stylianides, l’Europa si è detta pronta a fornire “tutta l’assistenza necessaria, a seconda delle esigenze del Cile” - Cile, terremoto di magnitudo 8,3