Ferguson, spari dopo corteo per Brown: stato d’emergenza. Ucciso 15enne a Indianapolis

Scontro a fuoco tra gruppi rivali, domenica notte, nella cittadina in cui un anno fa un giovane nero disarmato era stato ucciso dalla polizia: ferito dagli agenti un ragazzo afroamericano di 18 anni. Nella capitale dell’Indiana un adolescente di colore ucciso dopo aver forzato un posto di blocco. LE FOTO - IL VIDEO

  • ©Getty Images
    Ancora tensione a Ferguson, a un anno di distanza dall'uccisione del giovane afroamericano Michael Brown da parte di un agente di polizia. Dopo le manifestazioni pacifiche del week-end, domenica notte una persona è rimasta ferita in un sparatoria – Il caso del 18enne ucciso dalla polizia
  • ©Getty Images
    Ad avere la peggio è stato un ragazzo afroamericano di 18 anni, ferito da colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia. Le sue condizioni sono critiche – Il video della presunta rapina
  • ©Getty Images
    Il timore, ora, è che la situazione possa di nuovo peggiorare e scatenare scontri violenti, come accaduto dopo la morte di Michael Brown. Per questo le autorità hanno proclamato lo stato d’emergenza nella contea di St. Louis – Autopsia: ucciso da 6 colpi di pistola
  • ©Getty Images
    A Indianapolis, intanto, la polizia ha ucciso a colpi di arma da fuoco un ragazzo afroamericano di 15 anni, Andrew Green, per non essersi fermato a uno stop e, anzi, aver accelerato per forzare un posto di blocco a bordo di un'auto (forse rubata) – Dalle foto agli hashtag, la protesta cresce online
  • ©Getty Images
    Tornando a Ferguson, secondo la ricostruzione della polizia 4 agenti in borghese sarebbero intervenuti per sedare uno scontro a fuoco tra due gruppi rivali a West Florissant Avenue, l'epicentro delle proteste di Ferguson. Tyrone Harris, il ragazzo ferito, avrebbe sparato contro i poliziotti e poi sarebbe stato colpito da uno dei 10 proiettili esplosi dagli agenti – Dalle foto agli hashtag, la protesta cresce online
  • ©Getty Images
    Le autorità hanno presentato nei confronti di Harris 10 capi d'accusa, incluso l'assalto a forze dell'ordine. Diversa la ricostruzione del papà del giovane: secondo quanto riferito dall’uomo, che cita due ragazze che erano con il 18enne, il giovane era disarmato e stava correndo per salvarsi la vita – Ferguson, poliziotto non sarà incriminato. Scontri in strada
  • ©Getty Images
    Poche ore prima degli scontri, la cittadina si era riunita attorno alla famiglia Brown per ricordare il giovane ucciso un anno fa. Decine i manifestanti arrestati. La nuova sparatoria ha riacceso le polemiche sui metodi della polizia e, soprattutto, sulla scelta di inviare agenti in borghese senza telecamere nell'area della manifestazione – Obama: uso eccessivo della forza
  • ©Getty Images
    Dopo gli spari, i manifestanti si sono dispersi e molti hanno trovato riparo dietro le auto posteggiate - Le foto dei funerali di Michael Brown
  • ©Getty Images
    Le tensioni a Ferguson sono scoppiate dopo la manifestazione pacifica in occasione dell'anniversario della morte del giovane afroamericano - "Mani in alto, non sparate": in piazza le donne di Ferguson
  • ©Getty Images
    Nella cittadina del Missouri, vicino a St. Louis, in centinaia sono scesi in piazza per ricordare il ragazzo con un minuto di silenzio e una messa - Brown ucciso da 6 colpi di pistola
  • ©Getty Images
    A un anno dall'uccisione di Michael Brown, l'uso eccessivo della forza da parte della polizia contro le minoranze è riemerso con il caso di Christian Taylor in Texas: anche questo ragazzo di 19 anni è stato ucciso da un agente. Le indagini per accertare la dinamica dei fatti sono già in corso con la collaborazione dell'Fbi - Usa, giovane ucciso: polizia diffonde video presunta rapina
  • ©Getty Images
    Nella foto, i cittadini di Ferguson radunati sotto la casa dei genitori di Michael Brown - Gli aggiornamenti sul caso
  • ©Getty Images
    A guidare il corteo pacifico che ha attraversato la città di Ferguson è stato il padre del ragazzo ucciso dalla polizia con 6 colpi di pistola - Ferguson, ancora proteste. L'agente: ho fatto il mio dovere