Nepal, emergenza aiuti umanitari. Onu: bloccati alla dogana

Mentre si aggrava il bilancio, con oltre 7mila morti, le Nazioni Unite lamentano ritardi nei controlli doganali. Chiuso ai cargo l’aeroporto di Kathmandu per le crepe sulla pista. A 8 giorni dal sisma trovate 3 persone vive sotto le macerie. FOTO-VIDEO
  • 3 maggio 2015. Ritardi alla dogana stanno ostacolando le operazioni umanitarie in Nepal: lo ha detto il rappresentante delle Nazioni Unite, Jamie McGoldrick, a proposito delle difficoltà con cui gli aiuti esteri arrivano nel Paese - Tutte le foto sul sisma in Nepal
  • E' salito a 7.040 morti il bilancio ancora del tutto provvisorio del terremoto avvenuto il 25 aprile in Nepal. Lo rende noto il ministero dell'Interno nepalese, aggiungendo che i feriti sono 14.123 - Tutti i video
  • Intanto, a 8 giorni dal sisma, tre persone sono state estratte vive dalle macerie. Il ministero dell'Interno ha riferito che la polizia e i militari impegnati nei soccorsi sono riusciti a salvare i tre superstiti nel distretto di Sindhupalchowk - Tutte le foto sul sisma in Nepal
  • A una settimana dal sisma, il Nepal è ancora in piena emergenza per la distribuzione degli aiuti umanitari - Tutti i video
  • A peggiorare la situazione la chiusura dell’aeroporto di Kathmandu a causa di una crepa sulla pista - Tutte le foto sul sisma in Nepal
  • La restrizione riguarda solo gli aerei cargo mentre i collegamenti passeggeri internazionali continuano. Stati Uniti e Canada hanno già fatto ricorso contro la decisione dell'autorità aeroportuale nepalese - Tutti i video