Cuba-Usa: dall'embargo al disgelo. FOTOSTORIA

Era il 1961 quando Fidel Castro trasformò l'isola caraibica in una repubblica socialista, colpendo gli interessi statunitensi. Dopo 53 anni di tensioni, arriva la svolta storica: riprendono le relazioni diplomatiche tra i due Paesi. VIDEO
  • 1959, la presa di Cuba - Fidel Castro arriva all'Avana insieme a Ernesto Che Guevara (destra) e al maggiore Camilo Cienfuegos. I “barbudos” avevano deposto Fulgencio Batista, dittatore che favoriva l'intesa economica con gli Stati Uniti - Cuba: il Parlamento conferma Raul Castro fino al 2018
  • 1959 - Raul Castro insieme a Ernesto Che Guevara durante l'entrata all'Avana - Cuba, auguri Fidel
  • Rapporti tesi, ma costanti - Fino al 1961 i due Paesi continuarono a dialogare. In questa foto del 1959 Fidel Castro è a Washington durante un discorso tenuto all'American Society of Newspaper Editors - Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • Le riforme socialiste - Durante i primi anni di Governo, Castro promosse una riforma agraria e nazionalizzò le imprese americane che avevano interessi a Cuba, spingendosi verso la Russia. Nell'immagine è con Nikita Khrushchev a Mosca - Cuba: il Parlamento conferma Raul Castro fino al 2018
  • La Baia dei Porci - Le relazioni si deteriorarono in seguito al fallimento dell'invasione della Baia dei Porci, avvenuta tra il 17 e il 19 aprile 1961, quando 1.500 esuli cubani addestrati dalla CIA provarono a rovesciare il governo di Fidel Castro - Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • 1961 - Un gruppo di esuli cubani sbarcati nella Baia dei Porci è fatto prigioniero dai soldati fedeli a Fidel Castro - Svolta a Cuba: si potrà lasciare l’isola liberamente
  • L'embargo del 1961 - Gli Stati Uniti cominciarono a imporre alcune restrizioni economiche all'isola caraibica, fino ad arrivare alla rottura delle relazioni con l'embargo totale annunciato dal presidente americano John Kennedy - Cuba e Fidel: una storia che dura da mezzo secolo
  • La crisi missilistica - Tra il 15 e il 28 ottobre 1962 le testate nucleari russe furono ospitate sul suolo cubano, facendo salire la tensione tra i Paesi. Nella foto un aereo militare americano scorta una fregata russa nel mar dei Caraibi - Cuba: il Parlamento conferma Raul Castro fino al 2018
  • 1963 - La piazza della Rivoluzione all'Avana gremita per celebrare l'anniversario della deposizione del dittatore Fulgencio Batista durante un discorso di Fidel Castro. Da due anni ormai l'isola era stata proclamata una repubblica socialista - Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • 1986 - Le tensioni tra i due Cuba e gli Stati Uniti si riflettevano anche nella politica estera più estesa. In questa immagine un incontro tra i “non allineati” Fidel Castro, Muhammar Gheddafi e Daniel Ortega ad Harare, nello Zimbawe - Cuba e Fidel: una storia che dura da mezzo secolo
  • Manifestazioni pro Castro - Le sanzioni economiche americane e la debolezza degli aiuti sovietici resero difficile il decollo per l'economia cubana. Nella foto una marcia di sostegno al governo di Castro e contro l'embargo all'Avana nel 1995 - Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • Il malcontento degli esuli - Nello stesso periodo, a Miami, gli esuli cubani manifestavano contro il dittatore socialista. Nonostante la fine della guerra fredda e il crollo dell'URSS nel 1991, Cuba rimase ostile alla politica americana - Cuba, Benedetto XVI incontra Fidel
  • I primi segni di disgelo tra i due Paesi arrivarono con l'amministrazione Clinton, che cercò una linea di dialogo con Cuba. Nell'immagine la storica partita di Baseball promossa dal presidente Usa tra i Baltimore Orioles e la selezione cubana all'Avana - Cuba: il Parlamento conferma Raul Castro fino al 2018
  • Il "caso" Eliàn - Nel 2000 la vicenda del piccolo Eliàn Gonzalez fece risalire la tensione. Il bambino fu al centro di una contesa che vide i due stati contrapporsi nel decidere sulla sua custodia in seguito alla morte della madre - Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • 2008, il passo indietro di Castro - A causa di gravi problemi di salute, Fidel Castro cedette il comando al fratello Raul, che si dimostrò aperto a superare le tensioni con gli Stati Uniti introducendo elementi di libero mercato nell'isola - Svolta a Cuba: si potrà lasciare l’isola liberamente
  • Le liberalizzazioni economiche furono il chiaro segnale che il tempo delle divisioni ideologiche stavano tramontando, in favore di un dialogo più costruttivo con gli Stati Uniti - Cuba: il Parlamento conferma Raul Castro fino al 2018
  • La fine delle ostilità - Il primo atto della svolta è stata la liberazione del contractor americano Alan Gross da una prigione a Cuba, il 17 dicembre 2014 Cuba-Usa, Obama: "Todos somos americanos"
  • La foto storica - Prima stretta di mano tra Obama e Castro. E' il 10 aprile 2015, l'occasione quella del summit delle Americhe a Panama - Cuba-Usa, Obama: "Chiesto a Congresso stop embargo"