Traghetto naufragato in Corea del Sud, si dimette il premier

Chung Hong-won è stato criticato per la cattiva gestione della sciagura in cui hanno perso la vita almeno 187 persone. “Ho deciso di lasciare per non essere un peso per il governo”, ha detto. Proseguono le ricerche dei dispersi. FOTO - VIDEO
  • 27 aprile. Il primo ministro sudcoreano Chung Hong-Won ha annunciato le dimissioni dopo il naufragio del traghetto Sewol che ha provocato almeno 187 morti lo scorso 16 aprile - Il servizio di Sky TG24: VIDEO
  • Le dimissioni sono arrivate a causa della grande rabbia dei parenti delle vittime, che accusano il governo e la compagnia di non avere fatto abbastanza per salvare i loro cari - I soccorsi del naufragio in Corea del Sud
  • L'auto del premier è stata bloccata e il capo del governo è stato duramente contestato la settimana scorsa quando ha visitato la zona dell'incidente, per il quale sono stati arrestati tutti e 15 i componenti dell'equipaggio - Sud Corea, arrestato il comandante del traghetto naufragato
  • ''Volevo dimettermi presto ma la gestione della situazione è stata prioritaria e ho pensato che sarebbe stato un atto responsabile dare il mio aiuto prima di lasciare. Ma ho deciso di dimettermi ora per non essere un peso per il governo'' ha detto Chung - Corea del Sud, affonda un traghetto. VIDEO
  • In base all'ordinamento sud coreano, il potere è concentrato nelle mani della presidente Park Geun-Hye. Le dimissioni di Chung sono quindi di fatto simboliche. Continuano le ricerche dei corpi dei dispersi. Nella foto i parenti delle vittime- Corea del Sud, naufraga traghetto: le prime immagini