Bangkok, la protesta si organizza nel parco

Dopo Zuccotti Park e Gezi Park un'altra area “verde” diventa protagonista di manifestazioni politiche. A Bangkok, i cittadini che protestano contro l'esecutivo in carica hanno organizzato la propria base a Lumpini Park. IMMAGINI
  • Dopo settimane di presidi in alcuni snodi di Bangkok con conseguenze sul traffico, i manifestanti che protestano contro il governo hanno deciso di “ritirarsi” presso il parco Lumpini nel centro della capitale - Thailandia, irruzione dei manifestanti: premier in salvo
  • La mossa, a detta dei manifestanti, è stata pensata anche per venire incontro ai problemi finanziari di quegli esercizi commerciali danneggiati dai blocchi e dalle marce ormai in azione da 4 mesi - Urne chiuse in Thailandia: l'opposizione in piazza
  • Alcuni commercianti intervistati da agenzie di stampa internazionali hanno espresso sollievo per la decisione nella speranza che la fine dei blocchi e dei picchetti riporti i clienti nei loro negozi - Bangokok, i manifestanti in marcia verso gli edifici governativi
  • Secondo Suthep Thaugsuban, già vice primo ministro e ora leader della protesta, la nuova base della rivolta dovrebbe consentire a più cittadini di unirsi alle manifestazioni - Thailandia, migliaia in piazza contro il governo
  • Secondo quanto riportano alcuni media, come il Wall Street Journal, nelle ultime settimane la partecipazione alle proteste – che in precedenza avevano richiamato anche 200 mila persone – è andata calando - Thailandia, pic-nic di massa contro il governo
  • I manifestanti (qui in marcia verso Lumpini Park) protestano contro la attuale primo ministro Yingluck Shinawatra e suo fratello Thaksin, accusati di voler screditare il monarca costituzionale Bhumibol Adulyadej - Thailandia, governo ferma la polizia, manifestanti in piazza
  • Intanto i vecchi siti della protesta sono ripuliti. La scintilla che ha fatto scattare le rivolte è stata il tentativo del governo di varare una legge per consentire a Thaksin Shinawatra di tornare in patria da uomo libero - Thailandia, nuovi scontri tra polizia e manifestanti.
  • Se Bangok ritorna alla normalità per il primo ministro Yingluck Shinawatra i guai non sono finiti. Rischia un'accusa da parte della Commissione nazionale anti-corruzione per avere gestito in modo improprio i sussidi per il riso - Thailandia, si dimettono tutti i deputati dell'opposizione
  • Il Paese resta diviso. Secondo quanto riportano i media internazionali sostenitori del primo ministro nel Nord del Paese hanno annunciato l'intenzione di formare delle milizie per difendere il governo da eventuali colpi di stato - Thailandia al voto nel caos: si temono nuove violenze
  • Nonostante il “ritiro” nel parco della maggior parte dei manifestanti, resta comunque attivo un presidio, quello gestito dal monaco buddista Luang Pu Buddha Issara (qui in comizio), uno dei leader della protesta - Thailandia, il governo schiera 3.000 soldati
  • La nuova strategia non significa che le marce siano del tutto finite. Il 4 marzo, per esempio, gruppi di manifestanti hanno raggiunto il quartier generale della polizia - Thailandia, nuovi scontri tra polizia e manifestanti
  • La scelta di Lumpini Park come sede della rivolta riporta alla memoria altri parchi che negli ultimi anni sono diventati il centro di proteste. Per esempio Gezi Park a Istanbul, in Turchia - Turchia, polizia in piazza Taksim
  • Le rivolte che hanno caratterizzato la Turchia nell'estate del 2013 sono scoppiate nel tentativo di opporsi al progetto di eliminazione di Gezi Park, area verde nel centro di Istanbul - Turchia, le tante facce della rivolta
  • Nel 2011 il movimento denominato Occupy Wall Street ha scelto Zuccotti Park, un'area di svago di 3 mila metri quadrati nel sud di Manhattan, come quartier generale delle proteste contro il capitalismo finanziario di Wall Street - Lo sgombero degli indignati di Wall Street
  • Zuccotti Park, che è un'area pubblica ma appartiene a dei privati, è stato occupato dal 17 settembre al 15 novembre del 2011 diventando la “casa” del movimento. Da allora è vietato accamparsi e dormire nell'area - Occupy Wall Street, gli slogan della protesta