Le Pussy Riot escono dal carcere: "Russia senza Putin". FOTO

Rilasciate in seguito all'amnistia approvata dalla Duma, Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova che scontavano due anni di prigione per "una preghiera blasfema" contro il presidente russo: "Ma è solo propaganda", dicono. LE IMMAGINI - I VIDEO
  • In una foto d'archivio, Maria Alyokhina (a sinistra) e Nadezhda Tolokonnikova, le due componenti delle Pussy Riot che oggi hanno lasciato il carcere in seguito al provvedimento di amnistia approvato dalla Duma - Tutte le foto
  • Le due ragazze stavano scontando due anni di prigione per una preghiera blasfema anti-Putin nella cattedrale di Mosca (nella foto Maria Alyokhina dopo la liberazione) - La notizia
  • "Se avessi potuto, avrei rifiutato la misericordia di Putin", ha detto la Alyokhina (nella foto dopo l'uscita dal carcere) - Tutti i video
  • La ragazza ha definito il provvedimento "propaganda del Cremlino" Tutte le foto
  • Nadia, appena fuori dall'ospedale-carcere, siberiano ha urlato: "Russia senza Putin" (una foto d'archivio delle Pussy Riot) - La Russia di Putin atto III
  • Tutto il Paese è come una prigione", ha aggiunto Nadia - Khodorkovsky parla da uomo libero: non posso tornare a Mosca