2014, dall'Iraq al Brasile: il mondo al voto

L'anno appena iniziato sarà caratterizzato da una serie di importanti elezioni. Oltre all'Unione europea si andrà ai seggi in luoghi delicati come Iran e Afghanistan, potenze emergenti come Brasile e Sud Africa e anche negli Stati Uniti. FOTOGALLERY
  • Nel 2014 si voterà in parecchi Paesi del globo. Alcuni di essi, come Iraq e Afghanistan, sono in aree delicate per gli equilibri geo-politici. Altri rivestono grande importanza economica. Ecco alcune elezioni da tenere d'occhio - 10 anni fa la strage di Nassiriya
  • In aprile si andrà al voto in Afghanistan, dove il presidente Hamid Karzai non potrà ricandidarsi per la terza volta. Sarà un passaggio decisivo per un Paese impegnato in una delicata transizione - Reduci dall'Afghanistan, il docu-film sui veterani italiani
  • Tra i candidati alla poltrona di presidente ci sarà Abdullah Abdullah, sconfitto nel 2009, e già ministro degli esteri del Paese. Correrà per il Partito della Coalizione nazionale - Reduci: le foto
  • Aspira alla poltrona di presidente dell'Iraq anche Qayum Karzai, fratello maggiore del capo di stato in carica. Nonostante le rivalità all'interno del clan, Qayum potrebbe offrire al congiunto un posto nel governo - Afghanistan: immagini dal fronte
  • Educato in occidente, anche Ashraf Ghani Ahmadzai sarà della partita nelle elezioni irachene. Ha lavorato per la banca Mondiale e per le Nazoni Unite - Afghanistan: immagini dal fronte
  • Il 30 aprile si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del parlamento iracheno. Sarà un voto decisivo per capire l'equilibrio di potere in un Paese ancora diviso e tutt'altro che pacificato - Iraq, 10 anni di violenze e sangue
  • Agli indiani piace definire il proprio Paese "la più grande democrazia del mondo". In aprile o in maggio – la data esatta ancora non c'è – si rinnoverà la camera bassa del parlamento nazionale - La prima missione indiana su Marte
  • A primavera andrà al voto anche il Sud Africa da poco orfano di Mandela. Sarà la prima elezione in cui voterà la generazione nata dopo la fine dell'apartheid - Il saluto dei grandi a Madiba
  • A fine maggio tocca all'Europa rinnovare il Parlamento. Tra i fattori chiave da osservare ci sarà il risultato dei partiti populisti e anti-Ue - S&P declassa la Ue
  • Occhi puntati sull'Independence Party di Nigel Farage, politico britannico diventato molto popolare sul web per i suoi strali contro l'Unione europea - I leader anti-euro
  • In Francia Marine Le Pen e il suo Front National cavalcano da tempo i sentimenti anti-europeisti dei loro connazionali. Sarà interessante osservare il risultato del partito - Francia, Bob Dylan indagato per incitamento all'odio
  • Quello europeo sarà anche un test importante per il “nuovo” Pd di Matteo Renzi e per verificare l'appeal elettorale del neo-segretario - Matteo Renzi e gli altri, la carica dei quarantenni
  • In maggio si svolgeranno le elezioni presidenziali in Colombia dove l'attuale presidente, Juan Manuel Santos, cercherà la conferma. I sondaggi lo danno favorito - NSA, anche Italia e America Latina intercettate
  • Il suo grande avversario, Alvaro Uribe Nelez, non si presenterà ma ha fondato un suo partito, il Centro democratico. Candiderà Oscar Ivan Zuluaga che punta a portare Santos al ballottaggio - Google Zeitgeist 2013
  • A luglio sarà la volta delle elezioni presidenziali in Indonesia. Dopo due mandati, l'attuale presidente Susilo Bambang Yudhoyono non si candiderà più - Indonesia, vulcano in attività a Sumatra
  • Joko Widodo, considerato l'Obama indonesiano, avrebbe, secondo gli addetti ai lavori, ottime probabilità di vittoria. Ma non è ancora sicuro che decida di candidarsi - Indonesia in festa per le nozze della figlia del sultano
  • La decisione di Widodo dipende da quella di Megawati Sukarnoputri, già due volte candidata. Se la leader del partito ci proverà ancora, Widodo si terrà fuori dalla competizione - Indonesia, vulcano in attività a Sumatra
  • Che farà Recep Tayyip Erdogan? Il primo ministro turco potrebbe candidarsi alle elezioni presidenziali di agosto ance se in Turchia il ruolo del presidente è simbolico. Ma il mandato da premier di Erdogan scade già nel 2015 e dunque... - Turchia, Erdogan toglie il divieto del velo e apre ai Curdi
  • Chi sicuramente sarà della partita in vista delle elezioni di ottobre in Brasile è l'attuale presidente Dilma Rouseff. Per gli osservatori si tratta solo di capire se vincerà al primo o al secondo turno - Gaia, missione Esa per studiare le stelle
  • I suoi avversari non sono ancora scesi tutti in pista. Sicuramente ci sarà Eduardo Campos, economista, governatore dello stato del Pernambuco: correrà per il Partito socialista brasiliano. Credit: WikiMedia - Egitto, neve al Cairo dopo 112 anni
  • A novembre ci saranno le elezioni di mid-term negli Stati Uniti. Si rinnoverà la Camera dei rappresentanti e 35 dei 100 seggi del Senato - Obama, nel 2014 svolta economica e mondo più sicuro
  • Spettatore interessato sarà Barack Obama che spera che il suo partito mantenga la maggioranza al Senato e la riguadagni alla Camera dei rappresentanti. Un' impresa, quest'ultima, mai riuscita al partito del presidente quando questi è al secondo mandato - Datagate, Obama pronto a riformare la NSA