Tunisia: liberata Amina, la ragazza che protestò a seno nudo

La diciottenne militante del gruppo ucraino Femen è stata scarcerata dal Tribunale di Sousse, ma dovrà affrontare un processo per “profanazione di tombe” e rischia fino a due anni di carcere. FOTO
  • L'attivista tunisina del gruppo Femen, Amina Sboui, subito dopo la scarcerazione ordinata dal tribunale di Sousse. Era stata arrestata lo scorso 19 maggio dopo aver protestato a seno nudo davanti la moschea Okba Ibn Nafaa a Kairouan - La "topless jihad" delle Femen
  • Prima del suo arresto aveva imbrattato una tomba nel cimitero di Kairouan con la scritta “Femen”. Per questo atto dovrà affrontare un altro processo per profanazione di tombe - Le accuse contestate ad Amina
  • "Sono contenta, finalmente potrò riabbracciare mia figlia, la giustizia ha dimostrato di essere indipendente", ha affermato dopo la scarcerazione la madre di Amina - Amina scappa dalla sua famiglia
  • L'arresto di Amina aveva provocato un vasto movimento di solidarietà in Tunisia e all'estero da parte di Ong, oppositori e attivisti per i diritti umani. Anche tre attiviste del gruppo Femen erano state imprigionate per una protesta a seno nudo a Tunisi - Amina è tornata, nuovo look e nuova foto a seno nudo
  • Amina durante il processo nel Tribunale di Sousse. "È un sollievo, questo prova che almeno una parte della giustizia tunisina è indipendente", ha dichiarato un legale della militante - La notizia dell'arresto di Amina
  • Prima di essere arrestata, Amina Sboui aveva pubblicato alcune sue foto su internet con la scritta “ il mio corpo è mio”, scatenando grandi polemiche in Tunisia - Femen in topless per Amina
  • Amina insieme al padre Mounir Sboui subito dopo la scarcerazione ordinata dal Tribunale di Sousse. “Sono orgoglioso di mia figlia, perché difende le sue idee” aveva dichiarato il genitore lo scorso 30 maggio - Amina, nuovo look a seno nudo
  • Secondo la giustizia tunisina, Amina rischia fino a due anni di carcere se l'accusa di profanazione di tombe verrà accolta dal Tribunale di Kairouan - Le accuse contestate ad Amina
  • Amina Sboui torna a casa dopo la scarcerazione. Era stata arrestata lo scorso 19 maggio dopo aver protestato a seno nudo davanti la moschea Okba Ibn Nafaa a Kairouan - Tutte le notizie su Amina