Egitto, l'opposizione a Morsi: "Via entro domani"

L'ultimatum dei ribelli: il presidente deve lasciare il potere entro martedì 2 luglio alle 17 altrimenti sarà "disobbedienza civile". Cinque ministri annunciano le dimissioni. Intanto, fonti governative annunciano 15 morti e seicento feriti. FOTO E VIDEO
  • È stallo in Egitto dopo che domenica 30 giugno milioni di persone si sono riversate in strada per chiedere le dimissioni di Mohamed Morsi e decine di militanti hanno assaltato la sede dei fratelli musulmani - Tensione e scontri in piazza
  • "Diamo a Mohamed Morsi fino alle 17 di martedì 2 luglio per lasciare il potere e permettere alle istituzioni statali di preparare le elezioni presidenziali anticipate", si legge nel comunicato dei Tamarod (i ribelli) pubblicato sul sito - Egitto, dalla rivolta alle elezioni: tutte le foto
  • In caso di rifiuto, "martedi' alle 17 sara' l'inizio di una campagna di disobbedienza civile". - Tensione e scontri in piazza
  • Cinque ministri dell'esecutivo hanno presentato una lettera di dimissioni spiegando di volersi unire ai manifestanti e di essere contrari alla politica del governo - Egitto, dalla rivolta alle elezioni: tutte le foto
  • Il bilancio degli scontri di domenica 30 giugno tra sostenitori e oppositori del presidente egiziano è di almeno 15 morti e più di 600 feriti, secondo il ministero della sanità. "Il popolo chiede la caduta del regime", era lo slogan dei manifestanti Tensione e scontri in piazza
  • Circa mezzo milione di persone si è radunato domenica a piazza Tahrir e una folla simile è scesa per le strade di Alessandria - Egitto, dalla rivolta alle elezioni: tutte le foto
  • Si tratta delle manifestazioni più grandi dalla primavera araba, costata il potere a Hosni Mubarak nel 2011 - Hosni Mubarak, trent'anni di potere
  • Una calma tesa regna nel paese e nelle principali piazze della contestazione al Cairo, ma la violenza è nuovamente esplosa al quartier generale della Fratellanza al Cairo nel quartiere di Moqattam Hosni Mubarak, trent'anni di potere
  • Il quartier generale della Fratellanza è stato preso d'assalto da centinaia di persone che hanno pugnalato un Fratello musulmano mentre tentava di lasciare l'edificio Hosni Mubarak, trent'anni di potere
  • Le proteste contro il presidente Morsi al Cairo Tensione e scontri in piazza
  • Le immagini televisive di Moqattam mostrano i muri esterni della sede della Fratellanza anneriti dai vari incendi esplosi dopo il lancio di molotov nella notte. All'assalto è seguito il saccheggio Tensione e scontri in piazza