Aung San Suu Kyi ritira il Nobel per la Pace, 21 anni dopo

La leader dell'opposizione birmana ha ricevuto a Oslo il Premio assegnatole nel 1991 mentre era ai domiciliari. Bisogna riporre nel futuro una "fiducia non cieca", ha detto, perché restano ostacoli come conflitti, prigionieri di coscienza e rifugiati
  • La leader dell'opposizione birmana, Aung San Suu Kyi, ha ricevuto formalmente il premio Nobel per la Pace che le era stato conferito nel 1991, quando si trovava agli arresti. Tutte le notizie sull "Orchidea d'acciaio", questo il suo soprannome
  • Emozionata ma carismatica, 'la Signora' - vestita con un tradizionale completo birmano color lilla - ha ritirato il premio. "Questo premio Nobel ha aperto una porta nel mio cuore" ha dichiarato. Suu Kyi in Europa dopo 24 anni
  • "La pace assoluta nel mondo è un obiettivo impossibile. Le ostilità non sono ancora finite nel nord della Birmania e nella parte occidentale del Paese le violenze sono tornate solo pochi giorni prima che io iniziassi il mio viaggio in Europa" ha dichiarato la leader birmana
  • Nel ringraziare San Suu Kyi il responsabile del Comitato del Nobel, Thorbjorn Jagland ha definito la donna "un dono prezioso per tutta la comunità mondiale". La leader birmana è tornata in libertà nel novembre 2010