OccupyWallStreet, gli slogan della protesta

Simboli e cartelli sono importanti. E quelli dei giovani americani hanno anche un pizzico di stile in più. Grazie alla creatività di un designer newyorchese che ha così voluto dare il proprio contributo alla mobilitazione. FOTOGALLERY
  • Una delle manifestanti di Zuccotti Park. Il movimento americano si ispira alla cosiddetta primavera araba - Leggi anche: tutte le notizie sugli indignados spagnoli ed europei
  • Lineari, bianchi, e creativi. I cartelli creati dal designer newyorchese Jay Shells (al secolo Jason Shelowitz) dettano la linea grafica della protesta: “La disoccupazione al 9,1% crea l'occupazione da parte del 99% della popolazione”. Credits: @jayshell
  • "Questa è la mia occupazione”, recita uno dei cartelli giocando sul doppio significato della parola: impiego e protesta. Shells è un artista noto a New York per delle ironiche campagne in favore del decoro nella città e nella metropolitana. Credits: @jayshell
  • “Ho perso il lavoro, ho trovato un'occupazione”, afferma questo poster. Shells, che ha scritto gli slogan insieme all'utente Twitter @blulaces afferma di aver voluto dare così il suo contributo alla rivolta. Credits: @blulaces
  • “Meno impieghi uguale più occupazioni”. Il riferimento è al proliferare di presidi di OccupyWallStreet in decine di città d'America e del mondo. Una diffusione che può essere seguita attraverso i molteplici canali online attivati dagli occupanti – Guarda anche: Occupy Wall Street, la protesta che nasce anche sul web
  • In questi giorni dalle parti di Wall Street non si vedono tori (simbolo del rialzo della borsa) ma nemmeno orsi (simbolo del ribasso). Secondo Shells e @Bluelaces gli unici animali che abitano il distretto finanziario di Manhattan sono i maiali. Credits: @jayshell
  • Un messaggio ai banchieri: “Il bonus di quest'anno? Nuovi vicini”, vale a dire i manifestanti che hanno occupato le strade nei pressi di Wall Street e dunque degli uffici dei trader. Credits: @jayshell
  • “Il 99% (così si definiscono i manifestanti in opposizione all'1 % dei ricchi d'America) è stufo al 100 %”. Banchieri avvisati... - Guarda anche: tutte le notizie sulla crisi economica
  • “Il 99 % è arrabbiato perché l'1% ha combinato un bel casino”, scrivono Jay Shells e @bluelaces interpretando il sentimento delle migliaia di americani che in questo momento sono scesi per le strade – Guarda anche: Il poliziotto smascherato dal Web
  • Di passaparola in passaparola i cartelli del designer e del suo compare sono arrivati dal Web nelle piazze. E di lì sulla foto di apertura del sito dell'agenzia giornalistica Reuters - Guarda le foto della manifestazione
  • Sul ponte di Brooklyn una ragazza fa capire al mondo quale è la sua nuova occupazione. Credits: Bluelaces
  • Una folla gremita attraversa il ponte che collega Brooklyn a Manhattan. E uno slogan di Shells non può certo mancare. Credits: Bluelaces
  • Occupare è un mestiere che i ragazzi americani sanno fare sempre meglio. Partita circondata da scetticismo OccupyWallStreet ha via via incassato la solidarietà di star e personaggi di rilievo – Guarda anche: Occupy Wall Street, la solidarietà di cantanti e attori
  • Protesta notturna per gli “indignados” americani che guardano con interesse ai loro colleghi da questa parte dell'Atlantico. Credits: Bluelaces
  • “Ci siamo appena svegliati”. Più chiaro di così.... Con l'America l'ondata di protesta diventa veramente globale. Credits: Bluelaces