Il Sud Sudan dimenticato dalle mappe online

Il nuovo stato riconosciuto indipendente dalla comunità internazionale il 9 luglio scorso non è però stato riconosciuto dai sistemi di cartografia di Google, Microsoft e del National Geographic. E non è il solo caso di errori sui confini nazionali. LE IMMAGINI
  • Lo stato del Sud Sudan si è reso indipendente il 9 luglio 2011, dal 2005 era una Regione Autonoma del Sudan. Credits: Nasa - Sudan del Sud, nasce una nuova nazione
  • I principali servizi di mappe online (qui Google maps) non hanno ancora aggiornato i propri database con i nuovi confini della regione, un cittadino ha avviato una petizione onlineper chiedere immediate modifiche. - Vai alla petizione
  • Anche Bing, il sistema di cartogafia di Microsoft, non ha marcato i limiti del nuovo Stato lasciandolo imprigionato nei vecchi confini del Sudan. - Sudan, rapito un operatore di Emergency
  • YahooMaps come i suoi concorrenti nelle mappe online si è dimenticata di aggiornare la mappe e cercando 'Sud Sudan' non si ottengono risultati. - George Clooney in prima linea per il Sudan
  • Persino il prestigioso National Geographic è rimasto indietro, nel proprio sistema di cartografia online del nuovo stato nessuna traccia. - Tutto sul Sudan
  • Google Maps in passato ha erroneamente attribuito due regioni indiane (Arnachal Pradesh e Aksai Chin) alla Cina, entrambe le regioni sono state oggetto di dispute diplomatiche tra i due Paesi. - Map World: il mondo visto dalla Cina
  • Su Bing invece la cartina è corretta. - Sudan del Sud, nasce una nuova nazione
  • Dopo le risentite proteste indiane anche su Google Maps l'errore di attribuzione di Arunachal Pradesh e Aksai Chin è stato corretto. - Le proteste
  • L'isla Calero, in Costa Rica, è divisa dalla terraferma solo da due corsi d'acqua dolce. Google Maps la attribuiva però al Nicaragua, l'errore è stato causa di un vero incidente diplomatico tra i due Paesi nel novembre 2010. - Scopri i problemi fra i due paesi
  • Perejil (qui indicata dalla A) è una piccola isola rocciosa a poche centinaia di metri dalla costa marocchina, appartiene però alla Spagna nonostante Google Maps in un primo tempo non se ne fosse accorta. - Prima che l'errore fosse corretto