Berlino, il mistero delle auto bruciate di notte

Violenza politica, terrorismo o solo l’azione sconsiderata di piromani? Sta di fatto che il fenomeno delle vetture, meglio se di lusso, date alle fiamme nella capitale tedesca cresce in modo allarmante. E ora anche la cancelliera Angela Merkel si è detta preoccupata. GUARDA LA GALLERY
  • Aumentano in modo allarmante le auto bruciate a Berlino: sono più di 50 quelle andate in fumo nell’ultima settimana
  • Il fenomeno, non nuovo (227 le vetture colpite dall'inizio dell'anno), generalmente attribuito agli anarchici, potrebbe anche aver cambiato 'pelle', e la cancelliera Angela Merkel esprime preoccupazione
  • Le forze dell'ordine non riescono a venire a capo della situazione, e il Comune di Berlino è arrivato a offrire 5000 euro di ricompensa, in cambio di informazioni utili a incastrare i responsabili
  • In questo clima di incertezza, i roghi diventano occasione di scontro politico, a un mese esatto dalle elezioni nel Land di Berlino
  • A oggi, nonostante sia aumentato da 100 a 130 il numero di agenti in servizio e sia stato impiegato un elicottero per la sorveglianza dall'alto, la polizia non è ancora riuscita a venire a capo del problema
  • E' difficile sorvegliare una rete stradale di 5400 chilometri, ha spiegato un portavoce della polizia
  • Il sindaco della capitale, Klaus Wowereit, ha per questo invitato i cittadini a prestare massima attenzione e a segnalare le persone sospette