Egitto, carri armati nelle strade. Solidarietà con la folla

L'Esercito con i suoi blindati presidia le vie principali de Il Cairo ma i soldati sembrano solidarizzare con i manifestanti. Duri scontri invece con la polizia, mentre si registrano saccheggi e devastazioni anche nei musei. LE FOTO
  • Sono stati schierati nelle strade della capitale i mezzi blindati dell'Esercito - Tutti gli aggiornamenti dall'Egitto
  • Gli emigrati egiziani manifestano anche in Europa LE FOTO
  • Tra la folla dei manifestanti ancora in piazza il 29 gennaio e i militari sembra prevalere la solidarietà - Ma si sono contati oltre cento morti negli scontri
  • Ancora bloccate tutte le comunicazioni via internet - Tornano i fax per aggirare la censura del web
  • Gli egiziani continuano a riversarsi nelle strade non solo a Il Cairo
  • La protesta mira non solo a riforme ma ad un definitivo passo indietro del presidente Hosni Mubarak
  • Non sono mancati momenti di alta tensione
  • Sono stati dati alle fiamme anche palazzi governativi e la sede del partito di Mubarak
  • Ma i militari dell'Esercito si sono spesso schierati al fianco dei dimostranti - Il significato delle Forze armate in campo
  • La popolazione ha fiducia nelle forze armate, mentre sono stati ancora durissimi gli scontri con la polizia
  • In serata i principali appelli dei testimoni erano per fermare gli sciacalli che approfittano della situazione per rapinare i cittadini e saccheggiare non solo i negozi ma anche i musei
  • quando ormai si faceva notte, ancora migliaia le persone in strada nonostante fosse stato dichiarato il coprifuoco. Tra queste anche bambini