Da Mark Zuckerberg al polpo Paul: i "pensatori globali 2010" secondo i giovani italiani

Un gruppo di venti-trentenni prova a sfidare e svecchiare la tradizionale classifica dei "Global thinkers" della rivista Foreign Policy. Nella loro top 100, a Obama o il Papa preferiscono professori, protagonisti della Rete, ma anche sportivi, musicisti e attori. E ben 10 italiani. LA FOTOGALLERY
  • Primo posto per le "menti" di Facebook Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg. Il primo per averlo creato, la seconda per averlo trasformato in una nuova impresa globale. Medaglia d'argento a Gita Gopinath, prima donna indiana docente di economia ad Harvard - La classifica 2010 di Forbes
  • Terzo posto a sorpresa per il polpo Paul, "l'indovino" dei mondiali in Sudafrica: "Perché nella nostra epoca gli economisti di tutto il mondo vorrebbero avere la sua capacità di predire il futuro" - Le donne più potenti
  • Quarta posizione per il padre di Wikileaks Julian Assange, "per aver rivoluzionato il mondo della diplomazia (e non solo)" - Un anno attraverso i tweet
  • Segue Luis Ignacio Lula da Silva, l'ex presidente brasiliano, perché il "miracolo del Brasile nei prossimi anni sarà comunque identificato con lui" - La classifica 2010 di Forbes
  • Sesta posizione per il premier cinese Wen Jiabao per la sua declinazione dell'economista Adam Smith "con caratteristiche cinesi" - Le donne più potenti
  • Il venture capitalist palestinese Saed Nashef (nella foto) occupa il nono posto con il collega israeliano Yadin Kaufmann, perché con il loro fondo stanno investendo 50 milioni di dollari a Ramallah e in Cisgiordania per start-up tecnologiche - Un anno attraverso i tweet
  • Decimo il panda Tai Shan, riportato alla Cina dallo zoo di Washington. "E' il segno di un’epoca: tra tensioni e schermaglie, il mondo vuole armonia e soft power più morbido che mai" - La classifica 2010 di Forbes
  • Primo italiano, al 15esimo posto, Massimo Banzi, fondatore di Arduino, l'hardware open source che è "uno dei pochi del Made in Italy di grande successo mondiale". Seguono al 17esimo, i ragazzi italiani scelti per l'americana Singularity University - Le donne più potenti
  • Nella classifica ci sono anche i creatori di South Park, Trey Parker e Matt Stone. E battono, con il 22esimo posto, il creatore della serie Lost, JJ Abrams, solo 44esimo - Un anno attraverso i tweet
  • Al 37esimo posto Robin Li, amministratore delegato di Baidu, il motore di ricerca che ha conquistato la Cina - La classifica 2010 di Forbes
  • Geert Wilders, il leader nazionalista olandese, è al 38esimo posto. "Perché in Europa il vento della destra anti-islamista, anti-immigrati e populista spira sempre più forte e da diversi fronti. E Wilders è il volto di questo vento" - Le donne più potenti
  • Shakira, con il suo Waka Waka (39esima), batte Lady Gaga (solo 77esima) - Un anno attraverso i tweet
  • L'allenatore Josè Mourinho, con la sua Inter campione d'Europa, conquista il 40esimo posto. Meglio di lui nel calcio fa solo lo spagnolo Andres Iniesta (21esimo), che con la sua rete ha sancito la prima vittoria della Spagna al mondiale - La classifica 2010 di Forbes
  • Un posticino, il 42esimo, c'è anche per Jim Parsons, ovvero lo Sheldon Cooper della serie tv The big bang theory. "Perché ha elevato il nerd a figura di culto mondiale" - Le donne più potenti
  • E' l'ex premier Romano Prodi l'unico politico italiano nella top 100 (50esimo). Tra gli italiani seguono l'economista Irene Tinagli (58esima), il fondatore di Dagospia Roberto D'Agostino (84esimo) e il banchiere Cesare Geronzi (centesimo) - Un anno attraverso i tweet
  • C'è anche il creatore di Eataly, Oscar Farinetti, all'87esimo posto. Ma molto meglio di lui (65esimo) fa Alborosie (nella foto). "Perché un italiano che scala le classifiche del reggae in Giamaica e nel resto del mondo..beh, chapeau" - La classifica 2010 di Forbes