Thailandia, litri di sangue contro il governo

A Bangkok protesta di migliaia di persone contro il governo. I manifestanti hanno raccolto il proprio sangue in taniche di plastica e lo hanno versato all'ingresso del palazzo dell’esecutivo. LA FOTOGALLERY
  • Circa 50 manifestanti hanno versato 300 litri di liquido davanti a un cancello secondario del palazzo mentre altre migliaia sono stati tenuti a qualche centinaio di metri dalla sede -Il servizio di SKY TG24
  • Le “camicie rosse” hanno sparso sangue davanti al governo di Bangkok per protesta contro il rifiuto del premier di sciogliere il Parlamento -Il servizio di SKY TG24
  • Una delegazione di “camicie rosse” ha poi ripetuto il gesto davanti alla sede del Partito Democratico -Il servizio di SKY TG24
  • Del partito fa parte il premier Abhisit che non intende dimettersi -Il servizio di SKY TG24
  • Altro sangue è stato, invece, versato direttamente sulla porta o messo all'interno di buste di plastica usate come proiettili -Il servizio di SKY TG24
  • I sostenitori di Thaksin Shinawatra, leader deposto, si sono allontanati dalla residenza del primo ministro dopo mezz'ora, senza bisogno che poliziotti o soldati ricorressero alla violenza. -Il servizio di SKY TG24
  • Le camicie rosse hanno forzato il cordone di polizia e imbrattato la casa del primo ministro -Il servizio di SKY TG24
  • Thailandia, sangue contro la residenza del premier Vejjajjva -Il servizio di SKY TG24
  • Le strade di Bangkok si riempiono di sangue. Versato dalle "camicie rosse" thailandesi davanti alla sede del governo e al quartier generale del Partito democratico -Il servizio di SKY TG24
  • La protesta si è conclusa nel campo base in Thanon Ratchadamnoen, con una manifestazione che ha causato notevoli disagi al traffico lungo la via Sukhumvit -Il servizio di SKY TG24
  • I manifestanti chiedono lo scioglimento del parlamento thailandese -Il servizio di SKY TG24