Iran, rivolta e inferno

E' stata la giornata più sanguinosa in Iran dopo le manifestazioni anti-governative dell'estate scorsa. Decine di migliaia di oppositori, fra cui molte donne, sono tornati in piazza in occasione dell'Ashura e negli scontri che ne sono seguiti con le forze di sicurezza diverse persone sono rimaste uccise
  • Teheran, 27 dicembre. Torna a scorrere il sangue in Iran, nel culmine delle celebrazioni per l'Ashura, la più importante ricorrenza religiosa degli sciiti. Le immagini degli scontri
  • Teheran, 27 dicembre. La capitale iraniana è stata teatro di proteste anti governative finite in tragedia
  • Teheran, 27 dicembre. La capitale iraniana è stata teatro di proteste anti governative finite in tragedia
  • Teheran, 27 dicembre. L'Ashura (il giorno dell'espiazione), una delle feste più sentite dai musulmani sciiti, cade il decimo giorno del mese di Muharran, un periodo di lutto per la comunità religiosa. La polizia risponde con cariche, lacrimogeni e spari
  • Teheran, 27 dicembre. Ggruppi dell'opposizione avevano annunciato manifestazioni nel fine settimana che segna la fine delle celebrazioni sciite dell'Ashura in ricordo dell'uccisione del nipote di Maometto, l'imam Hussein
  • Teheran, 27 dicembre 2009. Violenti scontri sono scoppiati nel centro di Teheran e in altre città del Paese, dove la polizia in tenuta antisommossa e i miliziani islamici Basiji hanno attaccato i manifestanti Il servizio di Tg24 sugli scontri
  • Manifestanti nelle strade di Iran. Il volto femminile della protesta
  • Teheran, 27 dicembre 2009. Secondo i siti dell'opposizione ci sono almeno una decina di morti e diversi feriti tra i dimostranti a Teheran e nella città nordoccidentale di Tabriz
  • Teheran, 27 dicembre 2009. Una notizia confermata anche dalla tv di Stato iraniana che ha parlato di "diversi morti" da entrambe le parti. Tra le vittime vi è anche il nipote del leader riformista, Mir Houssein Moussavi, ucciso con un colpo al petto
  • 27 dicembre 2009. La polizia di Teheran ha smentito ogni notizia, ribadendo che non ci sono state vittime, ma soltanto "numerosi arresti". Attentati nel mondo islamico per l'Ashura
  • Teheran, 27 dicembre. Mentre l'opposizione ha annunciato che le proteste continueranno nelle principali piazze della capitale iraniana, alcuni testimoni hanno riferito che la rete dei telefoni cellulari è stata oscurata nel centro di Teheran. Tutte le notizie sull'Iran
  • E' molto rallentata anche la connessione a Internet, unico canale attraverso il quale vengono diffuse le notizie. Il regime ha infatti vietato ai giornalisti presenti in Iran di raccontare le proteste Zanconato (corrispondenteAnsa): "Scontri in tutto il Paese"
  • L'informazione viene rilanciata attraverso i social network: su Youtube, come avvenne con la morte di Neda (scelta dal 'Times' come personaggio dell'anno), sono stati pubblicati alcuni video in cui si vedono le tragiche immagini degli scontri. Iran, spari sulla folla. La videogallery
  • Teheran, 27 dicembre 2009. I manifestanti hanno scandito slogan contro il presidente Mahmud Ahmadinejad e la Guida suprema Ali' Khamenei: "Questo e' il mese del sangue" e "A morte il dittatore" Iran, tutte le notizie
  • Teheran, 27 dicembre 2009. Gli elicotteri della polizia hanno sorvolato la capitale mentre colonne di fumo si levavano dal centro, divenuto un campo di battaglia Iran, tutte le notizie
  • La polizia ha dapprima negato che vi fossero morti fra i dimostranti e che agenti anti-sommossa o miliziani islamici Basiji che li appoggiavano avessero aperto il fuoco sulla folla Ira, tutte le notizie
  • Teheran, 27 dicembre 2009. Ma in serata la televisione di Stato ha ammesso che Teheran vi sono stati "diversi morti e feriti da entrambe le parti". Ira, tutte le notizie