Danimarca, è morto il principe Henrik

Il principe Henrik di Danimarca (Getty Images)
3' di lettura

Il marito di origini francesi della regina Margrethe si è spento all'età di 83 anni. Era diventato famoso anche per le sue proteste sulla disuguaglianza sociale rispetto alla moglie

Il principe Henrik di Danimarca, marito della regina Margrethe, è morto all'età di 83 anni nella notte di martedì 13 febbraio nel castello di Fredensborg. Ad annunciarlo, con una breve dichiarazione, è stata la stessa casa reale.

Dal malore alla morte

Nel comunicato si specifica che il principe Henrik si è spento nella tranquillità della residenza di famiglia, circondato dall'affetto dei suoi due figli e della regina. La morte è sopraggiunta due settimane dopo che al principe era stato diagnosticato un tumore benigno, in occasione di un ricovero per un'infezione polmonare contratta durante un viaggio privato in Egitto. Poco prima di morire, il principe è stato trasferito dall'ospedale di Copenaghen al castello di Fredensborg, dove desiderava trascorrere le sue ultime ore. Il principe Henrik soffriva anche di demenza.

Fuori dagli schemi

Nato col nome di Henri Marie Jean André de Laborde de Monpezat l'11 giugno 1934 a Talence, vicino a Bordeaux, il conte sposò Margrethe, erede al trono danese, nel giugno del 1967. Margrethe fu poi incoronata nel gennaio 1972 e Henrik non fece mistero della sua delusione per non esser mai diventato re. Dopo essersi ritirato dalla vita pubblica, dal 2016 trascorreva molto del suo tempo nella vigna di Château de Cayx, in Francia. Amato e criticato dai danesi per le sue maniere aristocratiche, il principe Henrik aveva recentemente trovato sostegno tra i giovani grazie alla sua capacità di rompere gli schemi culturali troppo uniformi del Paese, anche attraverso il suo look stravagante, il suo amore per il cibo e il vino, nonché per il suo impegno artistico.

La sua polemica sulla disuguaglianza

Il principe Henrik aveva fatto parlare di sé anche durante l'agosto 2017, quando aveva annunciato di non voler esser seppellito accanto alla regina, rompendo una tradizione lunga 459 anni. La ragione della scelta stava nella tristezza provocatagli dal non esser mai stato riconosciuto pari a sua moglie. In Danimarca vige infatti una legge secondo la quale se una principessa è moglie di un re, diventa automaticamente regina, ma ciò non accade per i principi. Dopo il referendum del 2009 sull'uguaglianza dei sessi nella successione reale, Henrik dichiarò: "Spero che gli uomini vengano equiparati alle ragazze".

Leggi tutto
Prossimo articolo