Incendi in California, fiamme arrivano a Los Angeles: evacuata Bel Air

3' di lettura

Minacciato dalle fiamme anche il centro Getty. Il sindaco ha deciso di evacuare 150mila residenti. Tutto il Sud dello Stato è colpito dai roghi alimentati da forti raffiche di vento

Le fiamme che stanno devastando la California sono arrivate a Los Angeles. Qui, anche nella ricca zona di Bel Air, tra le più esclusive della città, è in corso un’evacuazione. Secondo il Los Angeles Times, sarebbe a rischio anche il centro Getty, dove si trova uno dei due musei Getty presenti nell'area urbana. Come riferisce la Cnn, il sindaco Eric Garcetti ha ordinato l'evacuazione di circa 150mila residenti. Intanto, in poche ore, il numero dei roghi che stanno interessato il Golden State è salito a cinque. Le fiamme sono alimentate dai venti forti e finora sarebbero andati in fumo oltre 26 mila ettari di terreno.

La città impegnata a contenere le fiamme

Secondo il dipartimento di polizia di Los Angeles il rogo, che ha portato alla chiusura dell'Interstate 405, ha causato un ingorgo di traffico in una città già di per sé alle prese giornalmente con problemi di circolazione stradale. Chiusi anche gli istituti scolastici nella valle di San Bernardino. Al momento sono impegnati 125 vigili del fuoco nella zona del centro Getty e sono scesi in campo per contrastare il rogo anche degli elicotteri. I venti, soffiando ad una velocità di oltre 40 km/h, rendono complicate le operazioni di contenimento dei roghi.

L'incendio della contea di Ventura

La zona più colpita rimane quella della contea di Ventura (a pochi chilometri da Los Angeles) dove il “Thomas Fire”, come è stato ribattezzato qui l’incendio, ha costretto gli abitanti dell'Hawaiian Village ad evacuare diverse ore prima che il rogo radesse al suolo le loro abitazioni, come dimostra anche un video rilanciato da Storyful. Il rogo avrebbe già bruciato circa 50mila acri nell’intera contea e oltre 27mila persone sarebbero state evacuate. 

Il Sud della California devastato dagli incendi

Ma è tutto il Sud della California a essere colpito dalle fiamme. Una serie di incendi ha devastato questa parte dello Stato americano per via della forte siccità e delle raffiche di vento. Nella giornata del 5 dicembre due focolai hanno colpito la zona: il "Creek fire", scoppiato nel quartiere di Sylmar, a Nord di Los Angeles, avrebbe bruciato circa 11mila acri, mentre il Rye Fire, ne avrebbe devastati altri 1000 nel comune di Santa Clarita. A ottobre, invece, i roghi avevano devastato la terra del vino californiana provocando la morte di 45 persone e distruggendo migliaia di strutture.

Leggi tutto
Prossimo articolo