G20, Ivanka seduta al posto del padre: ira e ironia sul web

Foto Twittata - e poi cancellata - da Svtelana Lukash, membro della delegazione russa al G20
4' di lettura

E' polemica in Usa, sui media liberal ma soprattutto in Rete, dopo che la figlia prediletta nonché consigliera del presidente americano, ha preso il posto del padre e si è seduta tra Theresa May e Xi Jimping

La foto (poi rimossa – qui il tweet originale) postata sul web da un membro della delegazione russa al G20, Svtelana Lukash, di Ivanka Trump seduta al posto del padre al tavolo dei grandi accanto al presidente cinese Xi Jinping, ha scatenato l'ira e l'ironia della rete.

Ivanka al posto del padre

Durante il G20 di Amburgo, infatti, quando il presidente Usa Donald Trump, ago della bilancia nei dossier più spinosi del vertice, si è dovuto allontanare per un bilaterale, al suo posto si è seduta lei, la 35enne figlia prediletta suo consigliere alla Casa Bianca. Tra lo stupore dei leader, attorno al paludatissimo tavolo del vertice, con grande naturalezza Ivanka ha partecipato ad una sessione del vertice, sostituendo in tutto e per tutto l'uomo più potente del mondo.

Difficile capire se si è trattato di un gesto studiato per essere simbolico - una sorta di investitura - o di una delle tante alzate di testa di Trump che anche al G20 ha voluto dimostrare di poter prendere decisioni improvvise, inaspettate e decisamente fuori dal protocollo. Fatto sta che una cosa del genere non era mi accaduta prima dell'era Trump.

L’attacco del NYT

Nikolas Kristoff, columnist del New York Times, è tra i primi ad attaccare la scelta di Trump presidente: “Ivanka ha occupato il posto del padre al fianco di Xi Jinping. Secondo me è una cosa da repubblica delle banane per gli Stati Uniti essere rappresentata da una figlia senza esperienza". Sulla stessa linea la vincitrice del premio Pulitzer, Anne Aplebaum: "Perché una vip newyorkese non eletta, non qualificata e impreparata è la migliore persona a rappresentare gli interessi nazionali americani?".


Critiche anche dai Repubblicani

Ma anche dal Grand Old Party (Gop) sono fioccate critiche. Matthew Dowd, stratega politica che guidò la campagna per la rielezione nel 2004 del repubblicano George W. Bush ha ironizzato ipotizzando quale sarebbe stata la reazione dei repubblicani se Barack Obama o Hillary Clinton si fossero fatti sostituire dalle figlie. "Potete immaginare cosa i fan repubblicani e di Trump avrebbero detto se Chelsea (Clinton) o Malia (Obama) avessero fatto lo stesso. Noi siamo un Repubblica non una monarchia".


Ivanka tra i Grandi

Mentre la Casa Bianca ha difeso la scelta spiegando che Ivanaka ", che era presente nelle file posteriori all'evento, si è brevemente seduta al posto del padre che si era dovuto allontanare", l'agenzia Bloombetrg ha rivelato che oltre al caso immortalato dalla funzionaria russa su Twitter, anche in un'altra occasione Ivanka si è seduta al tavolo della plenaria con da un lato Xi e dall'altro il premier britannico Theresa May.

Nuovo video di Trump contro la Cnn

Intanto, non pago delle polemiche la scorsa settimana per il video diffuso dal padre su Twitter in cui si vedeva Donald Trump sbattere a terra e colpire ripetutamente al volto una persona con il logo della Cnn, oggi Donald jr, 39 anni, ha pensato bene di rinfocolare le polemiche pubblicando un video sul suo profilo twitter. Partendo da uno spezzone del celebre film 'Top Gun' nelle immagini si vede il padre nel ruolo di Tom Cruise abbattere un caccia nemico (nel film originale russo) con il logo della Cnn.


 

Come nel caso del video postato sul suo account ufficiale dal presidente, anche questo filmato non è stato materialmente realizzato da Donald Jr. 

Secondo Cbs l'ira del piccolo Trump stavolta è stata innescata anche per come i media hanno criticato la sorella Ivanka per aver sostituito il padre per qualche minuto al tavolo del G20 ad Amburgo, seduta tra il presidente cinese Xi Jinping ed il premier britannico Theresa May.

Leggi tutto
Prossimo articolo